Pattinaggio artistico, ISU Junior Grand Prix Chelyabinsk 2019: Artur Danielian dilaga nello short maschile, dominio russo nelle coppie

Giro di boa per la serie Junior Grand Prix 2019-2020 di pattinaggio artistico, al via oggi per la quarta tappa presso la Traktor Arena di Chelyabinsk, Russia.

Protagonisti della giornata sono stati, come ampiamente pronosticato, i pattinatori di casa, letteralmente mattatori in tutte le specialità nei segmenti più brevi. Nell’individuale maschile a imporsi è stato il favorito della vigilia Artur Danielian, autore di un programma ad alto contenuto qualitativo caratterizzato dalla corretta esecuzione di tutti gli elementi pianificati: di particolare caratura in questo senso il triplo axel, così come il triplo rittberger e la veloce combinazione con bonus triplo lutz/triplo toeloop. Guadagnando il massimo del livello sia nelle trottole che nella serie di passi, l’atleta stanziato a Mosca alla corte di Marina Selitskaia ed Elena Buianova ha chiuso la gara superando quota 80 con il nuovo personal best di 83.31, suddiviso in 46.10 (tecnico) e 37.21 (componenti del programma).

A ben nove lunghezze di distanza ha occupato la seconda posizione con 74.15 (38.69, 35.46) il pietroburghese Petr Gummenik, artefice di una prova speculare a quella del primo classificato ma decisamente inferiore dal punto di vista qualitativo, specialmente nella combinazione con il tripo lutz, macchiata da un arrivo fin troppo sbilanciato in avanti che ha consentito all’atleta di eseguire solo doppio il toeloop. A piazzarsi provvisoriamente sul gradino più basso del podio ci ha pensato il terzo russo in gara Ilya Yablokov che, con una performance positiva contrassegnata da un errore sanguinoso nell’entrata della trottola con cambio di piede (livello 2), ha ricevuto una valutazione complessiva di 73.73 (40.41, 33.23).

Inizia leggermente in salita il percorso dell’azzurro Gabriele Frangipani, rimasto attardato in dodicesima posizione con 57.84 (27.61, 31.23) a causa di una performance viziata da due brutti errori negli elementi di salto, nello specifico con una caduta nel triplo axel e un arrivo con una mano sul ghiaccio dal triplo lutz che ha compromesso la combinazione con il toeloop. Tuttavia la grande vicinanza con gli avversari potrà consentire al pattinatore delle Fiamme Oro allenato da Lorenzo Magri una bella rimonta nel programma libero.

Doppietta nella danza con Elizaveta Shanaeva-Devid Naryzhnyy, bravi a ritoccare il loro primato personale nel segmento raccogliendo 67.70 (36.36, 31.34) grazie a una prova di grande qualità in cui hanno ricevuto livello 2 nelle sequenze di Tea Time Foxtrot (con un +2 di media nel grado di esecuzione), livello 4 nella serie di twizzles e nel rotatioal lift (+3 nel GOE) e infine livello 3 nella serie di passi sulla midline (+2). Con il miglior riscontro sulle componenti del programma i russi, già trionfatori nell’appuntamento del circuito francese di Courchevel, hanno staccato di tre punti i compagni di squadra Diana Davis-Gleb Smolkin che, con 64.79 (35.07, 29.72), hanno tenuto un buon margine di vantaggio sui canadesi Nadiia Bashynska-Peter Beaumont, attualmente al terzo posto con 59.83 (32.88, 26.95). Positivo l’esordio di Andrea e Giulia Tuba, dodicesimi con 45.89 (25.47, 20.42).

Nelle coppie d’artistico bel testa a testa interno tra le mura amiche per Kseniia Akhanteva- Valerii Kolesov, avanti con 67.62 (40.36, 27.26) di soli cinquanta centesimi sui compagni di squadra debuttanti assoluti Iuliia Artemeva-Mikhail Nazarychev, provvisoriamente al posto d’onore con 67.12 (38.89, 28.33) davanti ai connazionali Diana Mukhametzianova-Ilya Mironov, terzi con 63.04 (36.44, 26.60).

CLASSIFICA SHORT PROGRAM JUNIOR INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Artur DANIELIAN
RUS
83.31 1
2 Petr GUMENNIK
RUS
74.15 2
3 Ilya YABLOKOV
RUS
73.73 3
4 Alec GUINZBOURG
CAN
66.64 4
5 Luanfeng LI
CHN
64.73 5
6 Alexander LEBEDEV
BLR
62.76 6
7 William ANNIS
USA
62.09 7
8 Younghyun CHA
KOR
61.05 8
9 Yong Myong RO
PRK
59.99 9
10 Iliya KOVLER
CAN
58.90 10
11 Dias JIRENBAYEV
KAZ
58.16 11
12 Gabriele FRANGIPANI
ITA
57.84 12
13 Nikita STAROSTIN
GER
54.86 13
14 Casper JOHANSSON
SWE
54.09 14
15 Mihhail SELEVKO
EST
53.72 15
16 Georgii RESHTENKO
CZE
53.47 16
17 Alp Eren OZKAN
TUR
49.40 17
18 Eric SJOBERG
USA
48.57 18
19 Mozes Jozsef BEREI
HUN
45.27 19
20 Lilian BINZARI
MDA
44.03 20
21 Azizmurod SHABAZOV
UZB
34.97 21
22 Andy YAO
AUS
34.55 22

CLASSIFICA  RHYTHM DANCE JUNIOR DANZA SUL GHIACCIO

FPl. Name Nation Points RD FD
1 Elizaveta SHANAEVA / Devid NARYZHNYY
RUS
67.70 1
2 Diana DAVIS / Gleb SMOLKIN
RUS
64.79 2
3 Nadiia BASHYNSKA / Peter BEAUMONT
CAN
59.83 3
4 Irina GALIYANOVA / Grayson LOCHHEAD
CAN
57.86 4
5 Tamara ZHUKOVA / Daniil KARPOV
RUS
55.71 5
6 Katarina WOLFKOSTIN / Jeffrey CHEN
USA
54.91 6
7 Lou TERREAU / Noe PERRON
FRA
54.68 7
8 Oona BROWN / Gage BROWN
USA
52.45 8
9 Emily ROSE BROWN / James HERNANDEZ
GBR
52.12 9
10 Anna SHNAIDER / Fedor VARLAMOV
KAZ
47.38 10
11 Karina SIDARENKA / Maksim YALENICH
BLR
46.92 11
12 Giulia TUBA / Andrea TUBA
ITA
45.89 12
13 Tatjana BUNINA / Ivan KUZNETSOV
EST
45.33 13
14 Viktoriia AZROIAN / Aleksandr SIROSHTAN
ARM
44.92 14
15 Denisa CIMLOVA / Vilem HLAVSA
CZE
41.05 15
16 Eva BERNARD / Tom JOCHUM
FRA
35.61 16
17 Ekaterina KUZNETSOVA / Daniel BRYKALOV
AZE
33.29 17
18 Arina PAVLISHCHUK / Alexandr KUROPATKA
UZB
31.84 18

CLASSIFICA SHORT PROGRAM JUNIOR COPPIE D’ARTISTICO

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Kseniia AKHANTEVA / Valerii KOLESOV
RUS
67.62 1
2 Iuliia ARTEMEVA / Mikhail NAZARYCHEV
RUS
67.12 2
3 Diana MUKHAMETZIANOVA / Ilya MIRONOV
RUS
63.04 3
4 Stanislava VISLOBOKOVA / Aleksei BRIUKHANOV
RUS
60.26 4
5 Hyang Mi RO / Kum Chol HAN
PRK
55.36 5
6 Brooke McINTOSH / Brandon TOSTE
CAN
48.40 6
7 Anastasiia SMIRNOVA / Danylo SIIANYTSIA
USA
45.69 7
8 Patricia ANDREW / Zachary DALEMAN
CAN
43.45 8
9 Motong LIU / Tianze WANG
CHN
39.12 9

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: International Skating Union (Chelyabinsk event)

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volley, Eleonora Lo Bianco è diventata mamma: è nata la piccola Emma

Equitazione, Global Champions League Saint Tropez 2019: Alberto Zorzi quarto, vince Scott Brash