Seguici su

MotoGP

Moto2, GP Repubblica Ceca 2019: da Brno riparte la caccia allo scatenato Alex Marquez, gli italiani devono scuotersi

Pubblicato

il

E così, anche per la Moto2, si sono concluse le vacanze estive. La classe mediana del Motomondiale è pronta a tornare in pista e prepara armi e bagagli per l’appuntamento del Gran Premio della Repubblica Ceca 2019. A Brno si tornerà a fare sul serio in un campionato che, in queste prime nove gare, ci ha regalato davvero una altalena di emozioni.

Dopo le prime quattro gare, infatti, Lorenzo Baldassarri sembrava pronto a volare verso il titolo. Il pilota marchigiano era stato in grado di vincere in ben tre occasioni e, con pieno merito, guardava tutti dall’alto verso il basso. Per sua, e nostra sfortuna, invece, questo idillio si è spezzato in men che non si dica. Il portacolori del team Kalex Flexbox nel prosieguo della sua annata non ha saputo che raccogliere un quarto ed un settimo posto assieme a ben quattro cadute. Dalla vetta della graduatoria ora si trova addirittura in terza posizione a pari merito con il compagno di scuderia Augusto Fernandez a quota 97 punti.

Chi, invece, ha cambiato marcia esattamente in concomitanza con l’inizio dell’involuzione di Baldassarri, è stato Alex Marquez. Il “fratellino” di Marc, come il leader della MotoGP, è in cima alla classifica generale con 136 punti (8 in più dell’esperto svizzero Thomas Luthi). La crescita di rendimento dello spagnolo è stata letteralmente esponenziale. Dopo un avvio di campionato con un solo podio a Termas de Rio Hondo, e addirittura un 24esimo posto nella gara di casa di Jerez de la Frontera, si è messo in modalità “dominio” e ha vinto 4 volte nelle 4 prove che ha concluso. Ad Assen, per colpe non sue, è arrivato l’unico “zero” che permette agli inseguitori di rimanere nella sua scia.

La sensazione, tuttavia, è che il percorso di Alex Marquez sia solamente all’inizio. L’alfiere del team Kalex EG 0,0 Marc VDS sembra davvero l’uomo da battere e vuole confermarlo per acciuffare il suo primo titolo in carriera, sognando di raggiungere l’illustre fratello al piano superiore. Mancano 10 gare, per cui nulla è scritto né scontato, per cui lo spagnolo dovrà lottare e stringere i denti.

Il rivale principale sarà, come detto, Thomas Luthi. Un pilota esperto e veloce, che due anni fa ha combattuto fino all’ultimo contro il nostro Franco Morbidelli. Per Augusto Fernandez e Lorenzo Baldassarri sarà importante inanellare una buona serie di risultati, dopo troppi alti e bassi, mentre i vari Jorge Navarro, Marcel Schrotter, e Brad Bindere non sembrano avere a disposizione la giusta costanza per una rimonta rabbiosa.

Sul fronte degli italiani, invece, i sogni di gloria saranno pochi. Luca Marini settimo in classifica generale a -46 da Marquez, spera di avere risolto i problemi fisici per un finale di annata che lo riporti ai piani alti della graduatoria. Per Enea Bastianini, Fabio Di Giannantonio, Andrea Locarelli e Nicolò Bulega inizia una serie di corse nelle quali fare esperienza e punti, sin da Brno.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *