Ginnastica ritmica, Trofeo di Desio 2019: l’Italia batte l’Azerbaijan, prima uscita delle Farfalle coi nuovi esercizi


L’Italia ha brillato al Trofeo di Desio 2019, tradizionale appuntamento di ginnastica ritmica giunto alla settima edizione. Nel palazzetto adiacente al nuovo centro di allenamento della nostra Nazionale, l’Italia si è messa in luce e ha incominciato la stagione a tutti gli effetti: ora lo sguardo è rivolto alle prossime tappe di Coppa del Mondo in una stagione che culminerà con i Mondiali di settembre, determinanti per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Le Farfalle, che hanno già staccato il pass per la rassegna a cinque cerchi, hanno incantato in pedana e hanno trionfato regalando emozioni al pubblico del Pala Banco Desio.

Le ragazze di Emanuela Maccarani si sono imposte col totale di 44.850: show strepitoso nell’esercizio con i cerchi e le clavette, sulle note di Personal Jesus e Silhoutte le azzurre hanno ottenuto un superlativo 23.700; con le cinque palle la nostra Nazionale ha strabiliato interpretando al meglio l’esercizio costruito sulle musiche dell’overture di Romeo e Giulietta di Tchaikovsky ottenendo 21.150. Alessia Maurelli e compagne sono così riuscite a battere l’Azerbaijan che si è fermato a 40.150 (19.950 con le cinque palle e 20.200 nel misto).

Spazio anche alle individualiste senior, dominio totale di Milena Baldassarri che ha vinto con un totale di 77.100 (19.600 al cerchio, 19.600 alla palla, 20.500 alle clavette, 17.400) battendo nettamente Alexandra Agiurgiuculese (73.900: 18.500, 19.700, 17.800, 17.900) e Alessia Russo (69.800: 19.050, 18.200, 16.050, 16.500). Gioia anche per la squadra junior che sale sul gradino più alto del podio con un totale di 38.850 (21.950 per i cinque cerchi e 19.600 per i cinque nastri) battendo l’Azerbaijan (34.050).

Queste le dichiarazioni rilasciate dalla Direttrice Tecnica Emanuela Maccarani tramite la Federginnastica: “Siamo all’inizio della stagione  e c’è ancora tanto da rifinire. La squadra ha provato davvero a fare tutto, senza togliere nulla. Gli esercizi devono ancora essere stabilizzati ma le ragazze sono state brave. È una squadra dotata e quest’anno, ancor di più rispetto al passato, abbiamo giocato sulle differenze di carattere tra i due esercizi. Le palle, più eleganti, mentre nel misto le ginnaste mettono in mostra tutto il loro carattere e dinamismo. Anche a livello individuale siamo davvero a buon punto. Abbiamo delle atlete forti che oggi, per la prima volta, si sono cimentate sul programma completo, in quattro attrezzi. Alle tre big Baldassarri, Agiurgiuculese e Russo si è aggiunta Sofia Maffeis, una ragazza dalle ottime potenzialità. È molto dotata, anche se oggi è stata un po’ fallosa. Certamente futuribile. La squadra junior mi è piaciuta moltissimo: le ho trovate più affiatate rispetto a qualche tempo fa. Abbiamo un bellissimo gruppo di ginnaste juniores, con la punta di diamante che è Sofia Raffaeli. Oggi ha esordito anche Sara Rocca che ha un anno in meno rispetto alle altre e, nonostante sia più acerba, ha certamente dimostrato di tenere molto bene la pedana. Ora dobbiamo solo fare esperienza e partecipare a tutte le gare per arrivare al top sia agli Europei di metà maggio, sia ai Giochi europei di fine giugno”:

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

scroll to top