Tennis, ATP New York 2019: Andrea Arnaboldi fallisce l’ingresso nel tabellone principale


Non ce la fa Andrea Arnaboldi a centrare l’ingresso nel main draw del torneo ATP 250 di New York: l’azzurro è appena stato sconfitto dallo spagnolo Adrian Menendez, numero uno del seeding cadetto, che si è imposto con lo score di 6-3 7-6 (7) in poco più di un’ora e mezza. Qualche rimpianto nella seconda frazione, quando l’italiano prima è andato a servire per il parziale sul 5-4 e poi ha avuto un set point nel corso del tie break.

Nel primo set l’azzurro soffre inizialmente al servizio e in apertura deve ricorrere ai vantaggi, ma il break è dietro l’angolo e arriva nel corso del terzo game, quando Arnaboldi riesce a risalire da 15-40 ma poi cede ai vantaggi. L’iberico è molto solido al servizio e nei primi tre turni in battuta concede appena due punti, ma apre la porta all’azzurro nell’ottavo game, quando, avanti 40-15, subisce tre punti di fila ed è costretto a fronteggiare la palla del controbreak. L’iberico si salva e Arnaboldi risente dell’occasione sciupata, perdendo poi il servizio a zero e concedendo la prima partita per 6-3.

La seconda frazione vive sotto il segno dei servizi per i primi otto giochi: si arriva al 4-4 senza palle break né game ai vantaggi, poi nel nono gioco, inaspettatamente, è l’azzurro ad allungare, portandosi sullo 0-40 e concretizzando poi la terza occasione per il break. La reazione dell’iberico è immediata: Menendez trova otto punti su nove (gli ultimi sei consecutivi) e ribalta la contesa, salendo 6-5. Arnaboldi non trema e si va al tie break: si lotta punto a punto e l’azzurro arriva al set point sul 6-5, ma non è incisivo in risposta e così deve annullare un match point sotto 6-7. Il secondo però è quello fatale: minibreak dell’iberico sul 7-7 e poi chiusura col servizio a disposizione per il 9-7 finale.

 

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Facebook Andrea Arnaboldi

Lascia un commento

scroll to top