Speed skating, Europei 2019: Sven Kramer trionfa ancora nell’all-round, Andrea Giovannini sesto


Ultima giornata di gare sull’anello di ghiaccio di Collalbo (Italia) per gli Europei 2019 di speed skating. Nella rassegna continentale oggi si assegnavano gli ultimi due titoli: sprint femminile ed all-round maschile.

Nella competizione che sorride al più costante nelle distanze classiche, neanche a dirlo, è stato l’olandese Sven Kramer ad imporsi. L’asso olandese, al termine di un 10000 metri all’ultimo respiro con il connazionale Patrick Roest, riesce a conquistare un successo significativo che gli vale il decimo oro in carriera nella rassegna continentale, realizzando un vero e proprio record. 150.103 lo score finale del tulipano a precedere il connazionale (150.199), in lizza fino alla fine. A completare il podio il forte norvegese Sverre Lunde Pedersen (150.836) che, grazie al terzo posto nei 1500 metri e al quarto nei 10000 metri, centra la medaglia di bronzo. Sesta piazza, invece, per il nostro Andrea Giovannini che, nono nei 1500 metri e sesto nei 10000 metri, ha concluso una due giorni complessivamente positiva in cui forse è mancato l’acuto nei 5000 metri. 14° posto, invece, per Gabriele Galli.

Nelle prove di velocità pura è stata Vanessa Herzog a prevalere. L’austriaca, prima nei 500 metri e seconda nei 1000 metri nelle serie in programma, ha confermato le proprie eccellenti attitudini totalizzando 151.445 nel computo complessivo dell’overall. Alle sue spalle le due russe Daria Kachanova (151.870) ed Olga Fatkulina (152.430) che hanno insidiato fino all’ultimo Herzog ma poi hanno pagato dazio nel confronto diretto nei 500 metri. Da sottolineare l’ottima decima posizione di Noemi Bonazza che, alla prima esperienza a livello seniores, ha fatto vedere grandi qualità, classificandosi al decimo posto (157.430).

 

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo facebook Andrea Giovannini

Lascia un commento

scroll to top