Tennis, ATP Finals 2018: Zverev supera Isner e vola in semifinale contro Federer, Djokovic en plein

Novak Djokovic | Credits: lev radin / Shutterstock


La sesta giornata delle ATP Finals 2018 di tennis ha definito il quadro dei semifinalisti. Nel day-6 dedicato agli ultimi incontri del “Guga Kuerten Group” hanno staccato il biglietto per la prossima fase il serbo Novak Djokovic (n.1 del mondo) e il tedesco Alexander Zverev (n.5 del ranking) che sfideranno rispettivamente Kevin Anderson e Roger Federer.

Una situazione che si è chiarita già con il primo match in programma quest’oggi che vedeva sfidarsi il teutonico e l’americano John Isner (n.10 ATP). Il successo di Zverev contro lo statunitense, con il punteggio di 7-6(5) 6-3 in un’ora e 21 minuti di gioco, è valsa la matematica certezza per Nole di essere primo nel raggruppamento, avendo già precedentemente conseguito il pass per il penultimo atto del Masters alla O2 Arena di Londra. Un match molto equilibrato quello tra il 21enne di Amburgo e Long John. Nel primo set solo una palla break concessa da Sascha nel 12° game e prontamente annullata. L’epilogo è al tie-break e l’allievo di Ivan Lendl conserva la giusta lucidità, aggiudicandosi la frazione 7-5. Nel secondo set la percentuale di prime in campo di Isner cala sensibilmente, permettendo a Zverev di fare la differenza in risposta e così il break si materializza nell’ottavo gioco, archiviando la pratica grazie ad un comodo 6-3 e forte di uno strepitoso 85% di punti ottenuti con la prima di servizio, 18 ace e di appena 2 doppi falli. Un incontro di pregevole fattura per il più giovane dei partecipanti a queste Finals che domani se la vedrà contro “Sua Maestà” Roger Federer.

In serata, in un incontro che non aveva più nulla da dire, animato però da spirito di competizione, il n.1 del mondo Djokovic ha dato un’altra dimostrazione delle sue qualità ottenendo la terza vittoria in altrettanti incontri e superando con il punteggio di 7-6(7) 6-2 in 1 ora e 35 minuti il croato Marin Cilic, n.7 del ranking. Il serbo ha portato a 17 vittorie in 19 partite il computo dello storico con il suo avversario che nulla ha potuto fare al cospetto di un autentico muro di gomma. Non ha certo sfigurato il 30enne di Medjugorje ma dall’altra parte della rete si è esibito in recuperi incredibili l’asso di Belgrado che ha così suggellato la sua superiorità in questo girone, confermata anche dalle statistiche finali del confronto: solo 5 punti al servizio in tutta la partita, 17 colpi vincenti e 12 errori non forzati. 34esima vittoria negli ultimi 36 incontri, a dimostrazione dell’eccezionale periodo vissuto da Djokovic. Nole, dunque, domani affronterà il sudafricano Kevin Anderson (n.6 ATP), in un remake della Finale di Wimbledon 2018.

 





 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: lev radin / Shutterstock.com

Lascia un commento

scroll to top