Pattinaggio artistico, Junior Grand Prix Ljubljana 2018: Tomoe Kawabata al comando dopo lo short femminile. Petr Gumennik in testa nel singolo maschile

L’arena sportiva Hala Tivoli di Ljubljana (Slovenia) sta ospitando questa settimana la sesta tappa del circuito Junior Grand Prix di pattinaggio artistico 2018/2019, penultimo appuntamento prima dell’ultima fase di qualificazione che si svolgerà a Yerevan, in Armenia, dal 10 al 13 Ottobre.

Nello short program individuale femminile, per la prima volta in stagione a piazzarsi provvisoriamente in prima posizione non è stata un’atleta russa. La giapponese Tomoe Kawabata si è infatti imposta sulle temute avversarie (rispettivamente seconda e terza) confezionando un ottimo primo segmento di gara, caratterizzato dalla corretta esecuzione di tutti gli elementi previsti: buona la combinazione triplo lutz/triplo toeloop, così come il doppio axel e il triplo flip. Imponendosi sia sotto il profilo tecnico che sulle componenti del programma, l’atleta nipponica ha ottenuto la buona valutazione di 66.85 (38.64, 28.21) che le consentirà di partire con un punticino di vantaggio nel programma libero rispetto ad Anna Tarusina, seconda classificata con 65.74 (38.20, 27.54). L’atleta allenata da Sergei Davydov è stata autrice di una buona performance in cui ha atterrato un ottimo triplo flip (valutato con picchi di +4), riscontrando un problema sul triplo lutz in combinazione, chiamato not clear edge dal pannello tecnico. Problema nella combinazione anche per Anastasia Tarakanova, terza classificata con 63.98 (35.89, 28.09), la quale è atterrata dal triplo lutz molto sbilanciata in avanti, eseguendo solo doppio (anzichè triplo) il toeloop.

Qualche incertezza per l’azzurra Lucrezia Beccari, attualmente quindicesima con 42.91 (23.11, 20.80). L’atleta allenata da Franca Bianconi, dopo un inizio promettente caratterizzato dalla buona esecuzione della combinazione triplo lutz/doppio toeloop, ha realizzato solo semplice l’axel (chiamato dunque non valido dal pannello) ed è purtroppo caduta nel triplo flip (chiamato wrong edge). Nonostante ciò la pattinatrice torinese ha comunque le carte in regola per poter recuperare posizioni importanti nel programma libero previsto per la giornata di sabato.

In categoria maschile il russo Petr Gumennik si è portato al comando della classifica pattinando un programma corto senza sbavature, eseguendo in modo pulito elementi di salto come il triplo axel, il triplo flip e la combinazione triplo lutz/triplo toeloop, tutti valutati con un grado di esecuzione positivo. L’atleta allenato da Veronika Daineko ha dunque conquistato la prima posizione provvisoria ottenendo il punteggio di 77.33 (43.78, 33.55), guadagnando un buon margine sul pattinatore israeliano Mark Gorodnitsky, in seconda posizione con 74.66 (42.02, 32.64) dopo un buon programma in cui ha atterrato un bellissimo triplo axel e viziato esclusivamente da una chiamata not clear edge nel triplo lutz in combinazione con il triplo toeloop. Possibilità di rimonta per l’americano Tomoki Hiwatashi, attualmente in terza posizione con 74.17 (39.74, 34.43) dopo una performance sporcata da una piccola incertezza sulla trottola abbassata con cambio di piede e sull’arrivo con step out della combinazione triplo lutz/triplo toeloop.

L’azzurro Gabriele Frangipani, nonostante dei piccoli errori sul triplo axel e sul triplo flip ha chiuso il primo segmento di gara piazzandosi in nona posizione con 58.64 (30.52, 28.12). Buon esordio stagionale per Nikolaj Memola che, malgrado un programma caratterizzato da alcune sbavature e da una caduta sul triplo flip, ha dimostrato di essere competitivo in una gara molto complicata piazzandosi al diciottesimo posto con 41.71 (20.61, 22.10).

CLASSIFICA JUNIOR SHORT PROGRAM FEMMINILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Tomoe KAWABATA
JPN
66.85 1
2 Anna TARUSINA
RUS
65.74 2
3 Anastasia TARAKANOVA
RUS
63.98 3
4 Haein LEE
KOR
63.01 4
5 Rion SUMIYOSHI
JPN
59.80 5
6 Ekaterina RYABOVA
AZE
57.91 6
7 Yi Christy LEUNG
HKG
50.16 7
8 Selma IHR
SWE
47.51 8
9 Gabriella IZZO
USA
47.45 9
10 Julia LANG
HUN
46.67 10
11 Aurora COTOP
CAN
46.30 11
12 Paulina RAMANAUSKAITE
LTU
44.06 12
13 Lara ROTH
AUT
43.88 13
14 Maya GORODNITSKY
ISR
43.73 14
15 Lucrezia BECCARI
ITA
42.91 15
16 Kristina GRIGOROVA
BUL
41.85 16
17 Anastasia VAIPAN-LAW
GBR
41.84 17
18 Nikola RYCHTARIKOVA
CZE
41.36 18
19 Maryna ZHDANOVYCH
UKR
41.26 19
20 Seungbeen YU
KOR
40.97 20
21 Selma VALITALO
FIN
39.43 21
22 Kyarha VAN TIEL
NED
39.03 22
23 Megan LY
TPE
37.55 23
24 Alexandra Michaela FILCOVA
SVK
37.32 24
25 Leona ROGIC
SRB
37.00 25
26 Ilayda BAYAR
TUR
35.10 26
27 Hana CVIJANOVIC
CRO
34.50 27
28 Anna Dea GULBIANI-SCHMIDT
GEO
32.74 28
29 Nea SMOLEJ
SLO
31.96 29
30 Veronika SHEVELEVA
KAZ
31.43 30
31 Kristina SHKULETA-GROMOVA
EST
30.90 31
32 Gemma MARSHALL
LUX
30.43 32
33 Ana CMER
SLO
29.87 33
34 Lara HROVAT
SLO
28.07 34
35 Elisavet VOULGARI
GRE
22.08 35
36 Klimentina MALEEVSKA
MKD
15.84 36

 

CLASSIFICA JUNIOR SHORT PROGRAM MASCHILE

Pl. Name Nation Points SP FS
1 Petr GUMENNIK
RUS
77.33 1
2 Mark GORODNITSKY
ISR
74.66 2
3 Tomoki HIWATASHI
USA
74.17 3
4 Koshiro SHIMADA
JPN
73.48 4
5 Conrad ORZEL
CAN
73.24 5
6 Artur DANIELIAN
RUS
69.30 6
7 Vladimir LITVINTSEV
AZE
67.96 7
8 Younghyun CHA
KOR
62.39 8
9 Gabriele FRANGIPANI
ITA
58.64 9
10 Nikita STAROSTIN
GER
58.24 10
11 Andreas NORDEBÄCK
SWE
57.96 11
12 Basar OKTAR
TUR
55.03 12
13 Aleksandr SELEVKO
EST
53.38 13
14 Fang-Yi LIN
TPE
49.81 14
15 Kai Xiang CHEW
MAS
49.75 15
16 Nurullah SAHAKA
SUI
48.98 16
17 Alexander ZLATKOV
BUL
47.24 17
18 Nikolaj MEMOLA
ITA
41.71 18
19 Charles Henry KATANOVIC
CRO
41.31 19
20 Edward APPLEBY
GBR
38.09 20
21 Mykhailo RUDKOVSKYI
UKR
37.95 21
22 Callum BRADSHAW
AUS
31.43 22
23 Luka LOGAR
SLO
29.08 23
24 Tamas SZOBOSZLAI
HUN
27.55 24

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Figure Skating (Official Facebook)

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Beach handball, Olimpiadi Giovanili 2018: l’Italia sogna in grande, ma le insidie non mancano

Calcio, Europa League 2018-2019: Eintracht Francoforte-Lazio 4-1. Biancocelesti dominati, espulsi Basta e Correa