Wimbledon 2018: Novak Djokovic torna campione! Non basta l’orgoglio a Kevin Anderson

Signori, Novak Djokovic è tornato nel tennis che conta. E finalmente, aggiungiamo. Sono passati oltre due anni dal trionfo al Roland Garros, con cui il serbo chiudeva l’impresa della vita, detenendo contemporaneamente tutti e quattro gli Slam, e iniziava una lenta discesa verso gli inferi. Quel viaggio si è concluso oggi con la vittoria dei Championships, chiusura perfetta di due settimane che ci hanno riconsegnato uno dei giocatori più forti dell’ultimo decennio.

Il 13° trionfo Slam di Djokovic, il quarto a Wimbledon, è maturato con un 6-2 6-2 7-6(3) in 2 ore 20 dalle due facce. Kevin Anderson, infatti, ha cominciato a giocare soltanto a inizio terzo set, ma stavolta cuore e orgoglio non sono bastati. La terza impresa in quattro giorni, dopo l’epica rimonta con Federer e la maratona con Isner, si è rivelata troppo anche per il generoso gigante sudafricano, che una finale Slam l’aveva già giocata qualche mese fa a Flushing Meadows (perdendo da Nadal). La camminata lungo il corridoio dell’All England Club e il Tempio del Tennis gremito, però, evidentemente qualche emozione gliel’hanno procurata, togliendo energia a testa e gambe già messe a dura prova dalle oltre undici ore spese in campo negli ultimi due turni. Qualcosa su cui anche gli irriducibili inglesi, così legati alle loro tradizioni, dovrebbero riflettere. Ma questa è un’altra storia.

O forse no, perché per i primi due set non c’è praticamente stata partita. Sin dal primo game, in cui Anderson ha servito solo 2 prime su 6 e un doppio fallo, consegnando il primo break (di tre nel primo set) della partita a Djokovic. Il sudafricano ha servito meno del 50% delle prime nel set d’apertura e vinto meno del 30% con la seconda: numeri con cui è difficile fare partita in un primo turno di un Challenger, figuriamoci in finale a Wimbledon. Soprattutto se contro hai Djokovic, perfetto in risposta, solido al servizio (solo 3 punti concessi nel primo set e una sola volta ai vantaggi in due set) e diabolico nel cavalcare le difficoltà del suo avversario, cuocendolo a fuoco lento .Il 6-2 6-3 maturato in poco più di un’ora è stato la naturale conseguenza.

La volontà ce l’ha messa Anderson, provando a scuotersi. Ci è riuscito nel terzo set e una discreta mano gliel’ha data il suo avversario. Djokovic fino a quel momento si era accontentato di controllare, ma la strategia alla lunga non ha retto e proprio nei pressi dello striscione del traguardo è stato “costretto” a sudarsi la vittoria. Anderson ha cominciato a fare il suo gioco, a raccogliere punti col servizio e giocare sull’uno-due. Nole, di contro, ha perso la prima e le occasioni per il suo avversario sono di conseguenza fioccate. Prima una palla break sul 4-3, poi cinque set point tra decimo e dodicesimo game. Ma Djokovic è riuscito a salvarsi e ad evitare di riaprire una partita già chiusa. Al tie-break, poi, non ha tremato e si è preso il titolo.

Oltre due anni sono passati da quando Nole chiudeva il proprio Slam disegnando un cuore sulla terra rossa di Parigi. Quel cerchio ideale oggi si è finalmente chiuso. Da domani il serbo sarà numero 10 del mondo, ma sopratutto sarà di nuovo quel campione che avevamo conosciuto.

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: STRINGER Image / Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Kevin Anderson Novak Djokovic Wimbledon 2018

ultimo aggiornamento: 15-07-2018


Lascia un commento

Mountain bike, Coppa del Mondo Vallnord: Gerhard Kerschbaumer strepitoso! Vittoria dell’azzurro davanti al campione iridato Nino Schurter

Tour de France 2018, Vincenzo Nibali guardingo sul pavé. Lo Squalo sulla difensiva