Scherma, Europei 2018: Italia, incubo zero ori. Non succede dal 2006


Quando mancano solo due giornate al termine degli Europei di Novi Sad, il medagliere dell’Italia recita ancora un preoccupante zero. E’ quello della casella delle medaglie d’oro, con la squadra azzurra che non è ancora riuscita a vedere un proprio atleta sul gradino più alto del podio. Anche oggi è sfumata la possibilità di conquistare la prima vittoria, con la squadra di fioretto maschile che si è arresa in finale alla solita Russia.

Proprio la Russia sta semplicemente dominando la manifestazione continentale con addirittura cinque medaglie d’oro sulle nove conquistate. L’Italia, invece, si trova al quinto posto nel medagliere, anche se va detto che gli azzurri sono al secondo posto per numero di medaglie (5, 3 argenti e 2 bronzi).

L’incubo resta questo incredibile zero negli ori, che addirittura non accade da dodici anni. Era l’edizione del 2006 a Smirne, quando l’Italia riuscì a conquistare solo un argento (Elisa Di Francisca) e quattro bronzi. L’Europeo turco non è l’unico chiuso senza vittorie dalla nazionale del Bel Paese, che ha raggiunto questo traguardo negativo in altre cinque circostanze. La prima nel 1991 a Vienna, poi nel 1994 (Cracovia), nel 1996 (Limoges), nel 1997 (Danzica) e poi nel 2004 a Copenaghen.

L’Italia ha comunque ancora molte possibilità di evitare lo zero, a partire già da domani, quando in pedana scenderanno le fiorettiste. Dopo l’argento e il bronzo nell’individuale di Arianna Errigo e Alice Volpi c’è grande attesa per le azzurre, che duelleranno come sempre con la Russia. Domani tocca anche agli spadisti, che vorranno riscattare la prestazione nell’individuale e proveranno a sorprendere.

Attenzione anche nell’ultima giornata alla sciabola maschile, con gli azzurri che sono tra i favoriti, essendo anche numero due del mondo, sapendo che sono saliti sempre sul podio (tranne una volta) dai Mondiali dello scorso anno. Attenzione anche alla spadiste, che in questa stagione hanno comunque già vinto in Coppa del Mondo.

 





 

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SULLA SCHERMA

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

scroll to top