Trampolino elastico, Europei 2018: Flavio Cannone e Costanza Michelini in semifinale, Ushakov e Makharynskaya al comando

A Baku (Azerbaijan) sono iniziati gli Europei 2018 di trampolino elastico. In programma le qualificazioni maschili e femminili, i migliori 24 atleti si sono qualificati alle semifinali.

TRAMPOLINO INDIVIDUALE (maschile) – Flavio Cannone si conferma un vero veterano e riesce ad accedere alle semifinali con un punteggio di 108.125 (51.100 per la prima routine e 57.025 per il secondo esercizio). L’azzurro è 17esimo e potrà così tornare sull’attrezzo per cercare un difficile accesso alla finale. Al comando il russo Dmitrii Ushakov (113.450) che precede il favorito bielorusso Uladzislau Hanchaou (112.975), a seguire il tedesco Kyrylo Sonn (111.725) e il russo Mikhail Melnik (111.365). Niente da fare, invece, per Dario Aloi che si ferma in 31esima posizione (105.630, 51.070 e 54.560) a nove decimi dal passaggio del turno.

TRAMPOLINO INDIVIDUALE (femminile) – Bravissima la nostra Costanza MIchelini che riesce ad accedere alle semifinali con la 24esima posizione (96.495, 46.275 e 50.220). La migliore è la bielorussa Maryia Makharynskaya (105.610) che precede di due decimi la russa Yana Pavlova (105.360), terza la georgiana Luba Golovina (103.615) appena davanti alla britannica Katherine Driscoll (103.490). La bielorussa Hanna Hancharova, grande favorita della vigilia, ha sbagliato il primo esercizio ma si è salvata con una grande seconda prova (98.415, 15esima).

 

Le cinque finaliste della gara a squadre maschile sono Bielorussia (333.855), Russia (333.210), Francia (328.925), Portogallo (325.320) e Ucraina (319.530). Al femminile invece si sfideranno Bielorussia (309.735), Russia (309.005), Francia (302.205), Portogallo (297.780) e Ucraina (297.335).

 





(foto Federazione Ginnastica Azerbaijan)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuoto, Federica Pellegrini campionessa d’Italia nei 100 dorso. “Devo vedere se puntare più su questa disciplina”

Pallanuoto, Serie A1 2018: Napoli-Sport Management 7-13. Mastini incontenibili in Campania