Sci alpino, Flavio Roda: “La FISI è in salute e ha grandi atleti. Bisogna lavorare sui giovani”


MILANO – In occasione dell’evento organizzato dalla FISI per omaggiare gli atleti che hanno vinto medaglie alle Olimpiadi e conquistato Coppe del Mondo in questa stagione, è intervenuto il Presidente Flavio Roda.

Il numero uno della FISI si è prima soffermato sull’incontro al Quirinale con il Presidente della Repubblica e con Giovanni Malagò, esaltando le qualità degli atleti: “A Roma è stata una giornata importante per i nostri atleti e ancora più importante per le parole usate da Mattarella e Malagò. Abbiamo grandi atleti, che sono soprattutto un grande esempio di sportività. Oltre ad essere ottimi atleti, che ottengono risultati prestigiosi, sono anche grandi uomini. Una bella immagine dentro e fuori dalle piste, un vero esempio per i giovani”.

La FISI è una federazione in salute e che ha ottenuto importanti risultati: “Per valutare lo stato di salute di una federazione l’aspetto sportivo è la cosa primaria, ma non è l’unica cosa, perchè per averlo serve che la federazione abbia bisogno di risorse ( sponsor e altre partnership). Questa federazione è in sicurezza e può andare avanti senza problemi. Il prossimo quadriennio è importante ed il futuro è  positivo”.

La Federazione vuole aiutare a crescere tutte le discipline: “Qui a Milano ci sono tante discipline e la federazione cerca di garantire a tutte le discipline le medesime risorse e a dare a tutti le possibilità per adoperare al meglio. Anche quelli sport definiti minori, che poi minori non lo sono, hanno dimostrato di ottenere risultati e la FISI è pronta ad aiutare tutti”.

 

 

Progetto giovani: “La Federazione sta lavorando a 360 gradi, anche a livello giovanile, perché i giovani ci sono, ma in alcune discipline di nicchia il reclutamento è difficile. La Federazione e i tecnici hanno il compito di doverci credere sempre e continuare a lavorare, ma anche dall’opinione pubblica serve un aiuto“.

Non sono comunque mancate le critiche al lavoro della FISI, soprattutto con l’avvicinarsi delle prossime elezioni, ma Roda ha voluto difendere il suo operato e soprattutto gli atleti: “Penso che in Italia si può dire tutto quello che si vuole e se questo non fosse permesso allora non ci sarebbe democrazia e non sarebbe una cosa giusta. Quello che non mi piace è il pessimismo cronico, perchè le critiche le accettiamo, ma devono essere costruttive. Sono orgoglioso di essere il presidente di questi atleti. Non serve la politica dell’odio. Tante critiche non fanno male a Flavio Roda, ma agli atleti ed è la cosa che mi fa più male“.

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SULLO SCI ALPINO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fisi-Pentaphoto

Lascia un commento

scroll to top