Ginnastica, tutte le nuove seniores: la classe 2002 diventa grande. Malabuyo, O’Keefe, Li Qi e Simakova i fenomeni del futuro

Inizia il 2018 della ginnastica artistica, anno in cui torneranno le gare a squadre e ai Mondiali si assegneranno i primi pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020 (andranno alle Nazionali che saliranno sul podio nel team event). La classe 2002 è entrata tra le grandi e debutterà nelle competizioni che contano. Sono tante le nuove ginnaste che vedremo all’opera tra le seniores, pronte a dare grande spettacolo e a dare filo da torcere alle più esperte.

Ci sono alcuni nomi particolarmente interessanti. Maile O’Keefe è la Campionessa Statunitense juniores e si è già messa in luce al Gymnix e a Jesolo, è abile nel concorso generale ma ha punte importanti anche a trae e corpo libero. Rimanendo sempre negli USA pensiamo a Emma Malabuyo che ha lottato a lungo con la O’Keefe e e sembra avere nel corpo libero il proprio punto di forza. Ana Padurariu è invece il nome di spicco dal Canada, eccellente tra trave e volteggio, potrebbe davvero far saltare il banco. Dalla Russia va tenuta in considerazione Angelina Simakova, già prima al Massilia e ai WOGA, superlativa al volteggio ma anche alla trave. Chiudiamo con le cinesi: si parla tanto di Li Qi e del suo notevole 6.6 di D Score alla trave ma anche di Chen Yile che si distingue sui 10cm e sugli staggi. L’Italia ha quattro azzurre da lanciare: Sofia Arosio, Martina Basile, Maria Vittoria Cocciolo, Sydney Saturnino.

Di seguito le nuove seniores per il 2018 (abbiamo preso in considerazione soltanto le migliori Nazionali al Mondo, il Belgio stranamente non ha delle 2002 nel database della FIG).

 

NOME COGNOME NAZIONE
Mia Banks Australia
Romi Brown Australia
Rebekah Chen Australia
Isabel Barbosa Brasile
Fabiane Brito Brasile
Luiza Domingues Brasile
Maria Julia Marques Brasile
Beatriz Simao Brasile
Megan Dipietro Canada
Montana Fairbairn Canada
Molly Fiorito Canada
Audrey Foucault Canada
Emma Guthrie Canada
Elizabeth Holmstrom Canada
Victoria Jurca Canada
Charlotte McDevitt Canada
Eloise Monat Canada
Myrelle Morin Canada
Anne-Marie Padurariu Canada
Amanda Pedicelli Canada
Enya Pouliot Canada
Stephanie Sim Canada
Sayge Urban Canada
Yile Chen Cina
Fangting Guo Cina
Qi Li Cina
Jieyu Liu Cina
Yanhui Wu Cina
Clara Gandrey Francia
Sheyen Petit Francia
Alina Huegli Germania
Kristina Iltner Germania
Kim Ruoff Germania
Lisa Schoeniger Germania
Hala Sidaoui Germania
Soyoka Hanawa Giappone
Yuki Murakami Giappone
Mana Oguchi Giappone
Emma Otsu Giappone
Ayaka Sakaguchi Giappone
Kelsie Gibbs Gran Bretagna
Taeja James Gran Bretagna
Zoe Simmons Gran Bretagna
Sofia Arosio Italia
Martina Basile Italia
Maria Vittoria Cocciolo Italia
Sydney Saturnino Italia
Juliette Berens Paesi Bassi
Anyck Drent Paesi Bassi
Maud Lammertink Paesi Bassi
Olivia Mulready Paesi Bassi
Tanishaley Neto Paesi Bassi
Tilila Oughzou Paesi Bassi
Bogumila Rossen Paesi Bassi
Sjurnailys Supriana Paesi Bassi
Madelief Teeken Paesi Bassi
Sanna Veerman Paesi Bassi
Maartje Wurkum Paesi Bassi
Denisa Golgota Romania
Laura Iacob Romania
Nica Ivanus Romania
Viktoriia Gorbatova Russia
Viktoriia Panchuk Russia
Valeriia Saifulina Russia
Aleksandra Shchekoldina Russia
Angelina Simakova Russia
Varvara Zubova Russia
Olivia Dunne USA
Kara Eaker USA
Madeleine Johnston USA
Shilese Jones USA
Adeline Kenlin USA
Emma Malabuyo USA
Maile O’Keefe USA
Gabrielle Perea USA

 

 





Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Davide Cassani: “Con o senza Froome, Vincenzo Nibali può lottare per il Tour de France”

Judo, Fabio Basile: “A Tokyo per me conta solo l’oro. Voglio diventare il più grande di sempre in Italia”