Dakar 2018, seconda tappa moto: Joan Barreda conquista il successo e va in vetta all’overall. Botturi recupera

La seconda tappa della Dakar 2018 tra le moto ha un solo nome: Joan Barreda. Il pilota della Honda in questa “Pisco-Pisco” ha messo in mostra aggressività e decisione in sella alla sua “belva”, ottenendo il suo 20esimo successo di tappa nel rally-raid più famoso del mondo. Una prestazione che si commenta da sola.

Il centauro spagnolo ha fatto la differenza nella seconda parte dei 278 km, in programma oggi, dopo che nella prima metà di gara era stata la Yamaha del francese Adrien van Beveren a condurre le danze. Aggredendo però poi il percorso, come solo lui sa fare, l’iberico ha inflitto ben 2’54” al transalpino, allo stato attuale delle cose il suo primo competitor anche nella classifica generale. Nello specifico van Beveren è distanziato di 2’30”. In terza piazza (a 4’24”) troviamo Matthias Walkner che, un po’ in difficoltà con la sua KTM, è riuscito a “salvarsi”, guadagnando anche terreno nella graduatoria generale, per via delle disavventure altrui. L’austriaco infatti è terzo nell’overall anche se con un distacco di 4’50”.

Reduce dal successo nell’esordio, il britannico Sam Sunderland, in sella alla KTM, si è dovuto accontentare del settimo posto nella tappa. Il vincitore dell’edizione 2017 ha pagato dazio, in termini di velocità, rispetto alla Honda di Barreda, giungendo al traguardo con un ritardo di 6’01”. Nell’ordine dei tempi assoluti Sunderland è 4° a 5’04” dal leader iberico. Stesso discorso anche per la Husqvarna del cileno Pablo Quintanilla e la Yamaha del francese Xavier De Soultrait classificatisi in sesta ed ottava piazza (rispettivamente a 5’45” e 6’12”)

Per quanto concerne l’australiano Toby Price della KTM, vincitore dell’edizione 2016, in decima piazza quest’oggi a 6’40”, bisognerà fare attenzione. Tenendo conto infatti delle sue impressioni all’arrivo, il centauro della Casa austriaca non ha rischiato di certo il tutto per tutto come Barreda, pensando a lungo termine ad una Dakar che deve ancora cominciare per lui. Bene, infine, Alessandro Botturi con la Yamaha, che si è confermato il migliore tra i piloti italiani in gara concludendo in 20esima posizione nella “Pisco-Pisco” e risalendo in classifica generale vicino alla top20 (23°).

 

La classifica generale dopo la seconda tappa

Pos. Pilota Moto Tempo/Gap
1 Joan Barreda Honda 3.18’36”
2 Adrien van Beveren Yamaha +2’30”
3 Matthias Walkner KTM +4’50”
4 Sam Sunderland KTM +5’04”
5 Pablo Quintanilla Husqvarna +5’44”
6 Xavier de Soultrait Yamaha +6’22”
7 Kevin Benavides Honda +6’39”
8 Franco Caimi Yamaha +7’10”
9 Michael Metge Honda +7’33”
10 Toby Price KTM +9’04”

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL RALLY

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo twitter Joan Barreda

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volley, SuperLega 2018 – 16^ giornata: Perugia e Civitanova, botta e risposta. Modena perde terreno, Trento inarrestabile

Dakar 2018, Classifica generale moto dopo la 2a tappa (7 gennaio): comanda la Peugeot con Despres