Seguici su

Pallavolo

Volley, Olimpiadi Tokyo 2020 – Tutti i criteri di qualificazione: due tornei mondiali, decisivi gli Europei e il ranking. La strada dell’Italia è in salita

Pubblicato

il

Manca soltanto l’approvazione finale del CIO ma ormai sono stati definiti i criteri di qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020 per quanto riguarda il volley. La rincorsa alla rassegna a cinque cerchi incomincerà già il prossimo anno e poi vivrà il suo clou nel 2019, stagione precedente rispetto a quella olimpica.

Il meccanismo è totalmente mutato rispetto a quello a cui ci eravamo abituati, soltanto una cosa non è cambiata: il numero delle squadre qualificate. Saranno sempre 12 (per sesso), ognuna con 12 atleti (contro i 14 ammessi alle altre competizioni sotto egida FIVB). Di seguito i presunti criteri di qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020, in attesa dell’ufficializzazione.

 

TORNEO DI QUALIFICAZIONE MONDIALE – Si giocherà a inizio 2019 (finestra durante le festività natalizie?), si assegneranno tre pass. La formula del torneo deve essere ancora comunicata.
Parteciperanno 12 squadre: il Paese organizzatore, i Campioni del Mondo, 2 squadre per continente (in base al ranking continentale).

TORNEO DI QUALIFICAZIONE INTERNAZIONALE – Questa competizione si giocherà durante l’estate 2019 (quindi arricchendo il calendario in cui figurano già World League e Grand Prix). Verranno assegnati 3 pass. La formula del torneo deve essere ancora comunicata.
Parteciperanno 12 squadre, le migliori del ranking FIVB che non si sono ancora qualificate ai Giochi Olimpici tramite il torneo precedente.

RASSEGNA CONTINENTALI – Europei, Campionati Sudamericani, Campionati Asiatici, Campionato Nord-Centro Americani, Campionati Africani. Le cinque vincitrici si qualificheranno alle Olimpiadi (se la vincitrice si è già qualificata attraverso altre competizioni allora lascerà il posto alla seconda classificata e via dicendo). Queste competizioni dovrebbero disputarsi tra luglio e ottobre 2019, quindi al termine di tutto il processo di qualificazione.

PAESE ORGANIZZATORE – Naturalmente il Giappone è già qualificato. Questa è l’unica regola che non muterà mai.

 

Diamo uno sguardo al regolamento in ottica Italia. Al maschile siamo soltanto quinti nel ranking continentale e dobbiamo assolutamente recuperare attraverso la prossima World League e i Mondiali casalinghi: bisogna rimontare su Russia, Francia, Serbia e Polonia ma quantomeno abbiamo il vantaggio che dovremo difendere pochi punti viste le ultime due edizioni fallimentari di queste competizioni. La soluzione perfetta sarebbe vincere i Mondiali e quindi andare direttamente al torneo di qualificazione mondiale, oppure sperare che un’altra europea vinca e rimontare solo un paio di posizioni. Altrimenti tutto sarebbe rimandato al secondo torneo e poi eventualmente agli Europei.

Al femminile siamo terze alle spalle di Serbia e Russia, con un margine risicato su Olanda e Turchia ma tra Grand Prix e Mondiali dobbiamo difendere il massimo dei punti. Per rientrare tra le migliori due servirebbe disputare due tornei eccezionali e magari sperare che una tra Serbia e Russia vinca la rassegna iridata oppure vincere noi stessi i Mondiali. Altrimenti tutto rimandato al secondo torneo e poi eventualmente agli Europei.

Attenzione a quello che succederà agli Europei: se magari alcune big staccheranno il pass nei tornei precedenti (pensiamo a Russia, Serbia, Olanda per le donne oppure Russia, Serbia, Germania, Francia al maschile) allora potrebbe anche servire non vincere.

 





Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *