Tennis, ATP NextGen Finals 2017: formula vincente o flop? Tante novità, ma anche molti dubbi

Alexander-Zverev-Tennis-Twitter-ATP-World-Tour-e1502661262655.jpg

Uno degli eventi più attesi del calendario tennistico sono sicuramente le ATP NextGen Finals 2017, che per la prima volta assegneranno il titolo di miglior giocatore Under 21 della stagione. Il torneo, che si disputerà a Milano la prossima settimana, è una grandissima novità e l’obiettivo dell’ATP è sicuramente quello di farlo diventare un’abitudine, anche se andranno valutati molti fattori.

Prima di tutto bisognerà capire come il pubblico assorbirà il nuovo regolamento, che ha già portato comunque a numerose critiche e perplessità. Per vincere un set bisognerà vincere solo quattro game (tiebreak sul 3-3), si giocherà al meglio dei cinque set, non esistono i vantaggi (killer point) e non esiste il let sul servizio.
Questo è sicuramente un modo per rendere più veloci gli incontri, ma il rischio è davvero quello di snaturare troppo lo sport e far diventare troppo uno spettacolo d’esibizione quella che invece deve essere una manifestazione sportiva.

A Milano mancherà il grande protagonista della vigilia. Infatti non ci sarà Alexander Zverev, che aveva già fatto capire che nel suo personale calendario non ci sarebbe stato spazio per queste NextGen Finals, visto che è già qualificato da mesi per il Masters di fine anno. Un’assenza che deve far riflettere l’ATP, magari su un possibile spostamento del torneo in un’altra data, in modo da permettere anche ad uno Zverev di partecipare e alla manifestazione di non perdere parte del suo fascino, visto che il tedesco è sempre stato presentato come l’uomo immagine delle NextGen Finals.

L’assenza di Zverev apre però a scenari completamente diversi per coloro che invece parteciperanno al torneo milanese. Già qualificati di diritto sono Andrey Rublev, Karen Kachanov, Denis Shapovalov, Borna Coric, Jared Donaldson, Hyeon Chung e Daniil Medvedev ed a loro si aggiungerà sicuramente un tennista italiano (sono in corso le qualificazioni per vincere la wild card). Non c’è un favorito e dunque l’incertezza potrebbe sicuramente essere un fattore positivo e portare ad una maggior competizione ed equilibrio, rendendo il tutto ancora più spettacolare.

Le ATP NextGen Finals si presenteranno al mondo del tennis tra qualche giorno. Tanti dubbi e perplessità. Sarà una novità vincente o un grande flop?

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top