Svezia-Italia, Play-off Mondiali 2018: Marco Verratti, l’erede di Pirlo mai sbocciato. Ora serve la svolta per non restare un incompiuto in azzurro

pagina-facebook-Marco-Verratti.jpg

L’Italia si avvicina a grandi passi verso la battaglia contro la Svezia, playoff di qualificazione ai Mondiali 2018. La nostra Nazionale si gioca il tutto per tutto per volare in Russia e non incappare in una clamorosa esclusione dalla rassegna iridata. Gli azzurri saranno presi per mano anche da Marco Verratti, da sempre annunciato erede di Andrea Pirlo ma che ha faticato a esplodere, soprattutto in Nazionale dove si è acceso soltanto a tratti.

Il centrocampista riveste un ruolo fondamentale all’interno della squadra di Giampiero Ventura, è suo il compito di inventare trame di gioco rilevanti per permettere ai compagni di trovare la via del gol. Ormai leader indiscusso del PSG, dove si è messo in luce in diverse circostanze (pensiamo ad esempio all’andata contro il Barcellona in Champions League prima del clamoroso ribaltone del Camp Nou), Verratti deve caricarsi l’Italia sulle spalle ed esplodere nel momento più importante, in uno dei crocevia cruciali della sua carriera, quello che può regalarci la qualificazione ai Mondiali oppure farci sprofondare in un baratro catastrofico.

Con il 4-2-4 Verratti ha faticato più volte a dettare legge, non è riuscito a trovare il giusto spazio per manovrare come vorrebbe, per dettare i ritmi, per ispirare i compagni con i suoi lanci lunghi e i suoi passaggi smarcanti. Il girone di qualificazione non è stato dei migliori salvo qualche lampo ma ora si riparte da zero e bisogna assumersi tutte le responsabilità del caso, bisogna dimostrare di essere davvero grandi e di poter prendere concretamente l’eredità del Maestro che si è ritirato proprio un paio di giorni fa.

Il 25enne potrebbe forse essere più convincente nel 3-5-2 su cui Ventura sta pensando, sempre affianco all’esperto Daniele De Rossi con cui dovrà dettare il ritmo, fare anche da filtro tra i reparti e cercare di rallentare i tentativi degli scandinavi. Questo è il momento in cui esaltarsi e in cui dimostrare davvero di essere un top player anche nelle partite più importanti: Verratti deve battere un colpo, la doppia sfida con la Svezia è determinante per la sua carriera e per tutta l’Italia, bisogna andare ai Mondiali a tutti i costi.

 





WEB TV

Lascia un commento

scroll to top