Stati Generali Coni 2017, Carlo Mornati: “Italia modello mondiale, siamo quinti nella storia e in entrambe le top10 dei medaglieri olimpici”

DPEqLv0XkAALeqD1.jpg

Carlo Mornati, ex canottiere azzurro ed ora Vice Segretario Generale del CONI e Responsabile della Preparazione Olimpica italiana, è intervenuto nella seconda sessione degli Stati Generali.

Le statistiche parlano chiaro, l’Italia è tra le nazioni con maggior tradizione sportiva al mondo: “Vogliamo partire da una ricostruzione storica: 692 medaglie vinte ai Giochi Olimpici, l’Italia è al 5° posto complessivo. Il piazzamento medio è l’ottavo posto. La scherma con 125 medaglie, l’atletica e il ciclismo con 60 podi sono le Federazioni più medagliate. Sono 27 le discipline andate a medaglia tra il 1996 e il 2016, 32 nel complessivo periodo storico. Nelle varie edizioni dei Giochi Invernali abbiamo vinto 114 medaglie e ciò ci consente di essere al 10° posto nel medagliere per Nazioni. L’Italia è uno dei pochi Paesi che è presente nella top ten in entrambi i medaglieri e questo conferma come il nostro Paese sia un modello pluridisciplinare. Le discipline più munifiche a livello invernale sono lo sci di fondo con 34 medaglie, lo sci con 30 e lo slittino con 17″.

Per quanto riguarda la partecipazione femminile azzurra ai Giochi: “Si può notare che il 15% totale delle medaglie sono state vinte dalle donne ma nelle ultime sei edizioni la partecipazione è cresciuta fino al 46% e l’incidenza parziale al 34%. Metà delle medaglie vinte da Lillehammer a Sochi 2014 è merito quindi della competitività femminile. Questa politica è figlia delle politiche del CIO. A Tokyo avremo 339 gare con un gap di sole 9 gare tra i due generi. Entro il 2024 dovremo raggiungere l’uguaglianza a livello di incidenza di medaglie”.

Sulle criticità dello sport italiano: “Un 26% in più di Paesi partecipanti ai Giochi, un 12% in più di Paesi che vanno a medaglie, un 22% di competizioni in più, mentre registriamo il 30% in meno della popolazione nella fascia di partecipazione olimpica e una riduzione del 45% dei contributi negli ultimi sei cicli olimpici (1993-2016). Quali sono le nostre strategie? Abbiamo provato a farci un esame di coscienza collettivo. Da parte nostra abbiamo cercato di affrontarlo con un accentramento, creando un’area che facesse convergere tutte le attività e valorizzando la sinergia con le Federazioni anche attraverso i Centri di Preparazione Olimpica. Negli ultimi 4 anni è stata incrementata del 31% la presenza nei Centri, con un piano di investimenti dal 2013 al 2020 di 22 milioni di euro: 7 sono relativi ad investimenti già realizzati, 15 invece sono in fase di programmazione. Fare esercizi sul passato ci ingessa, dobbiamo guardare al futuro tenendo conto che si corre molto e va mantenuto il livello di competitività come da tradizione”.

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter CONI

WEB TV

One Reply to “Stati Generali Coni 2017, Carlo Mornati: “Italia modello mondiale, siamo quinti nella storia e in entrambe le top10 dei medaglieri olimpici””

  1. ale sandro ha detto:

    Sono soltanto numeri però la contabilità creativa dei podi in questa amministrazione del Coni è sempre molto di fantasia. Mornati si adegua a Malagò in questo.

    L’ Italia è fuori dalle prime dieci ai Giochi Invernali ,sia come numero di ori che come numero di podi.
    Il fatto che mi auguri che questa situazione finisca già dopo Pyeongchang è un altro paio di maniche.

    Per carità niente di sconvolgente sulle doti di multidisciplinarietà azzurra, ma se si fa un pistolotto dove se la si canta e suona per imbrodarsi di lodi, bisogna avere la correttezza di non esagerare e di essere precisi.
    Del resto , visto il periodo infelice che colpisce lo sport nazionale, la cosa non mi sorprende affatto.
    La precisione , la metodologia, fanno difetto in diverse direzioni, così come il rispetto delle regole, dal momento che diverse federazioni sono state o sono praticamente in bancarotta o commissariate, in questa stessa decade.
    Sui centri di preparazione olimpica poi, soprattutto per gli sport di prestazione e quelli invernali, sarei curioso di vedere in concreto ,sport per sport, l’evoluzione di questo piano esposto nella sessione.
    La sensazione è che atleti/tecnici , personale tecnico e “dirigenti di campo”, siano stati spesso e volentieri nel corso della storia un livello veramente da prime 5-10, non solo potenziali, e in molti casi lo siano tuttora.
    Dirigenze di altro tipo , ho qualche dubbio che valgano anche solo i primi 15-20 paesi.

Lascia un commento

scroll to top