Sci di fondo, Coppa del Mondo Ruka 2017: trionfa l’eterna Marit Bjoergen nella 10km davanti a Kalla e Oestberg. Ilaria Debertolis fuori dalla zona punti

Marit-Bjoergen-Sci-di-fondo-Pagina-FB-Bjoergen-Libera.jpg

Dalle nebbie di Ruka nella 10km a tecnica classica femminile della Coppa del Mondo di Sci di fondo 2017/18 emerge la solita, immensa, infinita, Marit Bjørgen che chiude la sua prova con il tempo di 25:07,6 e ribadisce a tutti di essere la più forte. La norvegese di Trondheim ha rifilato distacchi importanti a tutte le rivali dirette ed è andata a ritoccare ulteriormente i suoi numeri da record, arrivando a 111 vittorie in Coppa del Mondo e 178 podi totali.

L’unica che ha saputo tenerle testa, per larga parte della 10km, è stata la svedese Charlotte Kalla che si è piazzata alle sue spalle a 17 secondi. La trentenne di Pajala ha provato a forzare i ritmi sin dall’avvio (dopo 3.1 km aveva 11 secondi di vantaggio su Bjorgen) ma nel finale ha dovuto cedere il passo alla campionessa norvegese. Kalla, infatti, ha fatto segnare i migliori intertempi fino al km 6,2. Da lì in avanti Bjorgen ha cambiato marcia e ha chiuso con un forcing finale davvero impressionante. La trentasettenne ha inflitto oltre 23 secondi di distacco alle più immediate inseguitrici nella seconda metà di gara.

Il festival norvegese prosegue con il terzo posto di Ingvild Oestberg staccata di appena otto decimi da Kallam mentre Heidi Weng è quarta a 34 secondi dalla connazionale. Dietro all’ottima austriaca Teresa Stadlober (quinta a 36,4 secondi) troviamo la quarta norvegese nelle prime sei classificate: Ragnhild Haga con poco meno di quaranta secondi dalla vetta. Completano le prime dieci posizioni la russa Natalia Neprayeva, settima a 42,8 secondi, davanti alla seconda svedese Stina Nilsson, alla russa Anastasia Sedova, alla statunitense Jessica Diggins ed alla quinta norvegese Mari Eide, undicesima a 1:04.

La nostra Ilaria Debertolis chiude la sua prova in cinquantaquattresima posizione con a 2:19,4 dalla Bjorgen. Prova tutto sommato accettabile per la ventottesima di San Candido che ha saputo comunque recuperare qualche posizione nella seconda metà di gara, dopo un inizio nel quale ha preferito gestire lo sforzo.

La gara del sabato del “Ruka Triple” è stata resa complicata dalle condizioni meteo. Ci si aspettava grande freddo in questa zona nord-occidentale della Finlandia, ma le temperature sono state molto più miti rispetto ai -20° di qualche giorno fa. Gli ski-man, dunque, hanno dovuto ripensare le scioline e le atlete in alcuni casi hanno sofferto con un’andatura non perfetta.

ORDINE DI ARRIVO COMPLETO 10KM TC

 

 





 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SULLO SCI DI FONDO

 

alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Marti Bjorgen

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top