Rugby, Test Match novembre 2017: Italia-Sudafrica 6-35, le pagelle degli azzurri. Parisse super, buon esordio per Licata

Rugby-Italia-04-Di-Cola-L.jpg

Terzo ed ultimo Test Match di novembre per la nazionale italiana di rugby che allo Stadio Euganeo di Padova esce sconfitta per 35-6 con il Sudafrica. Dominio in lungo e in largo per gli Springbooks, gli azzurri non riescono a bloccare le avanzate sudafricane, devastanti ovale in mano. Andiamo a rivivere il match con le pagelle della compagine tricolore.

Hayward, voto 5: la peggiore delle tre uscite di novembre per il neozelandese equiparato della Benetton Treviso. Contro un attacco come quello sudafricano, soffre moltissimo da estremo. Clamoroso è l’errore sulla seconda meta degli Springbooks.

Esposito, voto 5,5: parte bene, prova spesso a proporsi in fase offensiva, ma poi cala alla distanza. Tanti errori, soprattutto nel secondo tempo, dove si perde spesso e volentieri il rivale diretto.

Boni, voto 5,5: benissimo con le Fiji, sufficiente con l’Argentina, maluccio con il Sudafrica. Sale il livello dell’avversario, sale anche la sofferenza per il centro delle Zebre.

Castello, voto 6,5: eccellente performance anche oggi. Davvero benissimo nel primo tempo, con ovali portati anche in situazioni critiche e tantissimi anche metri guadagnati.

Bellini, voto 5,5: si poteva fare di più (lo abbiamo visto giocare alla grande con le Fiji due sabati or sono). La velocità e la fisicità dei rivali sudafricani è stata pagata a caro prezzo.

Canna, voto 6: benissimo nel primo quarto d’ora, protagonista anche con l’ovale tra le mani (buone giocate per i compagni). Trova il 100% sui primi due piazzati, poi sbaglia il terzo e da lì in poi esce dal match.

Violi, voto 6,5: il mediano di mischia delle Zebre è in nettissima crescita e può davvero far bene a livello internazionale. Prestazione positiva quella odierna, lo aspettiamo da titolare anche nel 6 Nazioni.

Parisse, voto 7: è finalmente il vero capitano azzurro, dopo il brutto infortunio estivo. Ritorna a sfornare le performance alle quali ci aveva abituato: è il playmaker della nazionale, dà spettacolo con alcune giocate davvero pazzesche.

Steyn, voto 5,5: le fatiche delle precedenti partite si fanno sentire sulle sue gambe. Esce prima del previsto per dare spazio all’esordiente Giammarioli.

Licata, voto 6,5: esordio da titolare per il giocatore delle Fiamme Oro. Scelta azzeccata per Conor O’Shea che lo butta nella mischia nonostante la giovanissima età. Forze fresche per la nazionale.

Budd, voto 6: periodo di forma ottimo per l’atleta della Benetton Treviso, che non riesce però a dimostrarla a pieno oggi, subendo lo strapotere degli avversari.

Fuser, voto 5: anche oggi dimostra di non essere al top. Lo si vede soprattutto nella prima meta sudafricana, dove appare nettamente in ritardo nel placcaggio.

Ferrari, voto 5,5: lenta discesa anche per il pilone tricolore, dalla meta alle Fiji alla sofferenza con il Sudafrica.

Bigi, voto 5,5: stanchezza, tantissima stanchezza per il tallonatore tricolore che al 48′ lascia il campo per il veterano Ghiraldini.

Lovotti, voto 5: che fatica in mischia oggi contro un pacchetto mostruoso come quello degli Springbooks. Anche lui si arrende subito dopo il primo tempo.

All. Conor O’Shea, voto 5,5: davvero pesante la sconfitta odierna, soprattutto pensando ai dolci ricordi di Firenze 2016. La nazionale parte forte, poi crolla sotto i colpi della fisicità sudafricana. Si poteva pensare di cambiare di più visto soprattutto la stanchezza dimostrata praticamente da tutto il XV tricolore.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lorenzo Di Cola

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top