MotoGP, onore ad Andrea Dovizioso. Preciso e metodico, ci ha fatto sognare sino in fondo

Andrea Dovizioso ci ha davvero fatto sognare fino in fondo, ha lottato con le unghie e con i denti, ha duellato alla pari contro uno stratosferico Marc Marquez, ha davvero sperato di poter conquistare il Mondiale della MotoGP, ha tenuto aperto i conti fino all’ultima gara, costringendo lo spagnolo all’ultimo atto per conquistare il quarto titolo iridato nella classe regina.

Semplicemente il Dovi è esploso e ha disputato un’annata ai limiti della perfezione, ha vinto addirittura sei gare, ha sconfitto Marquez in due duelli palpitanti all’ultima curva (in Austria e in Giappone): considerando che prima del 2017 si era imposto soltanto in due circostanze è chiaro il netto miglioramento che il ducatista ha compiuto negli ultimi mesi, con la massima tranquillità e pacatezza. Un centauro preciso e metodico che ha lavorato tantissimo, che è riuscito a esaltare le doti di tutto il team, di ingegneri e meccanici: ha spronato tutta la scuderia e ha ottenuto il 110% senza essere arrogante e strafottente, con la massima umiltà e semplicità, il classico ragazzo dalla porta accanto che è riuscito a emozionare tutta Italia e non è facile visto l’amore incondizionato che molti provano per Valentino Rossi, andato poi in difficoltà nella seconda parte del campionato a causa dell’infortunio e del livello scemato della Yamaha.

Dovizioso è entrato in una nuova dimensione, ora è decisamente più convinto dei propri mezzi, conosce i propri limiti ma soprattutto i propri pregi, nel corso dei vari weekend si è sempre migliorato e si è sempre migliorato: le sei vittorie sono delle perle del suo talento, dispiace per lo zero in Argentina e soprattutto per le difficoltà croniche rimediate tra Aragon e Phillip Island. Per poter battere davvero questo Marquez bisognava essere superlativi e stellare, serviva essere marziani ma l’Italia ha trovato un grandissimo Campione che ci ha fatto sognare fino in fondo e che anche nei prossimi anni potrà ancora dare l’assalto al Mondiale. Se la Ducati si confermerà su questo livello ne potremo davvero vedere di tutte le belle e il titolo iridato potrebbe seriamente tornare nel nostro Paese dopo un lungo digiuno, Dovizioso deve ripartire proprio da questa grande annata per rilanciarsi ulteriormente e ribadire di essere davvero un centauro che vale e che merita la massima attenzione.

 

 





LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Andrea Dovizioso GP Valencia 2017 MotoGp 2017 Motomondiale 2017

ultimo aggiornamento: 12-11-2017


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, GP Abu Dhabi 2017: programma, orari e tv. Il calendario del fine settimana. Si corre tra due settimane

F1 LIVE, GP Brasile 2017 in DIRETTA: gara. Sebastian Vettel torna alla vittoria! 2° Bottas, 3° Raikkonen con una gran difesa su Hamilton