Karate, Series A Okinawa 2017: grande Italia! Altro oro per Luigi Busà, argento per Nello Maestri, bronzo per Andrea Minardi, Angelo Crescenzo e Alessandra Mangiacapra


L’Italia chiude nel migliore dei modi la stagione del karate. Nell’ultima tappa della Series A 2017, ad Okinawa, arrivano cinque medaglie azzurre. Partiamo dallo straordinario oro di Luigi Busà nella categoria -75 kg. Il siciliano ha dominato il torneo, andando a superare in modo netto tutti gli avversari fino alla finale. Qui si è trovato di fronte il giapponese Yuta Mori, che vinse proprio ad Okinawa lo scorso anno. A differenza degli altri incontri, Busà ha fatto più fatica e il punteggio finale è stato in parità sul 3-3. L’enorme classe dell’azzurro è stata però evidente e la sua grande tecnica non è passata inosservata ai giudici che hanno deciso infatti di assegnargli la vittoria. Busà si conferma così la punta del movimento italiano e conquista il suo terzo successo stagionale, dopo il titolo europeo e la vittoria nella Premier League di Lipsia.

Nella stessa categoria arriva anche un sorprendente bronzo per Andrea Minardi, che dopo aver perso il derby azzurro con Busà in semifinale (4-0), ha superato nettamente il kazako Ruslan Yesmakhanbet per 6-1, salendo così per la prima volta sul podio in una gara di livello internazionale.

Un altro grande risultato arriva da Nello Maestri, che conquista l’argento nei -84 kg. L’azzurro ha dominato il suo tabellone, ottenendo così il pass per la finale. Nell’incontro decisivo si è trovato però di fronte il campione del mondo in carica, il giapponese Ryutaro Araga, che lo ha battuto per 2-0. Araga aveva eliminato in semifinale anche Michele Martina (5-3), che poi è stato sconfitto di misura nella finale per il bronzo dal francese Farouk Abdesselem per 1-0, dovendosi così accontentare del quinto posto.

L’ultima medaglia nel maschile arriva da Angelo Crescenzo, che porta a casa il bronzo nei -60 kg. L’azzurro ha vinto in scioltezza il suo pool, accedendo così alla semifinale, in cui è stato però sconfitto dal brasiliano Edemilson Dos Santos per 5-1. Un risultato che non ha però demoralizzato Crescenzo, che ha prontamente reagito nella finale per il bronzo, travolgendo per 8-0 lo spagnolo Matias Gomez Garcia e salendo così sul gradino più basso del podio.

Per quanto riguarda il settore femminile, l’unica medaglia azzurra arriva dalla giovane stella Alessandra Mangiacapra nei -55 kg. L’azzurra è stata sconfitta ai quarti dall’ucraina Anzhelika Terliuga, che poi è andata a conquistare il successo. Questo ha permesso a Mangiacapra di accedere ai ripescaggi, dove prima ha superato la rappresentante di Hong Kong, Ma Man Sum, per 1-0, e poi ha sconfitto di misura anche l’iraniana Trav Khaksar, conquistando così uno splendido bronzo. Sfiora invece la medaglia nei -68 kg Silvia Semeraro, che, dopo aver perso di misura la finale di pool con la danese Katrine Pedersen per 1-0, è stata sconfitta con lo stesso punteggio anche nella finale per il bronzo dall’ungherese Dora Czagany.





CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL KARATE

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIJLKAM

Lascia un commento

scroll to top