Ginnastica, Coppa del Mondo 2018 – Grande ritorno di Maria Kharenkova: prima alla trave e al corpo libero, battute le stelle Schaefer e Wevers. Le qualificate alle Finali

Maria-Kharenkova.jpg

A Cottbus (Germania) si sono concluse le qualificazioni della prima tappa della Coppa del Mondo 2018 di ginnastica artistica riservata alle singole specialità. Nel weekend si disputeranno le varie Finali

 

TRAVE:

Ritorno prodigioso della fantastica Maria Kharenkova, giovane russa che aveva vinto l’oro di specialità agli Europei 2014 e l’argento all-around due anni fa. Dopo una stagione complicata riesce a imporsi con 14.250 battendo Sanne Wevers, Campionessa Olimpica di specialità che deve riscattare la mancata qualificazione alla Finale dei Mondiali (13.700). Alle spalle dell’olandese si piazzano l’ucraina Diana Varinska (13.650) e la tedesca Pauline Schaefer (13.600). La Campionessa del Mondo in carica ha portato in gara un esercizio relativamente semplice (5.3), inferiore per D Score al superlativo 6.2 della Kharenkova. Si qualificano alla finale anche la cinese Cenyu Wang (13.360), la russa Liliia Akhaimova (12.90), la polacca Katarzyna Jurkowska (12.700) e la canadese Rose Woo (12.550).

 

CORPO LIBERO (femminile):

Maria Kharenkova è in uno stato di forma pazzesco e sfodera un grandioso esercizio anche al quadrato (13.950, 5.6). Nessuno riesce a tenere il suo passo: distacco pesante per la tedesca Pauline Schaefer (13.200) e per l’altra russa Liliia Akhaimova (13.200). L’idolo del pubblico Ellie Seitz è più attardata (13.000), in finale ci entrano anche la britannica Maisie Methuen (12.900), la canadese Rose Woo (12.850), l’ucraina Diana Varinska (12.700) e la spagnola Laura Bechdeju (12.600) al primo risultato importante della carriera.

 

VOLTEGGIO (maschile):

L’unico nome di grande rilievo è quello dell’ucraino Igor Radivilov che è solo settimo (14.266). Al comando il cinese Ruiyang Qu (14.783) che precede il giapponese Keisuke Asato (14.649) e l’australiano Chrisotpher Remkes (14.550). In Finale anche il nipponico Mizuki Hasegawa (14.516), il russo Andrei Makolov (14.400), il tedesco Felix Remuta (14.366) e il cinese di Taipei Tseng Wei-Sheng (14.133).

PARALLELE PARI:

Grandissime bordate ai vertici. Al comando lo scatenato cinese Di Tan (15.333) tallonato però dal tedesco Marcel Nguyen (15.200) e dal mai domo Oleg Verniaiev (14.966). Più attardati gli altri finalisti: il giapponese Hidetaka Miyachi (14.566), il russo Vladislav Poliashov (14.533), l’ucraino Petro Pakniuk (14.266), lo spagnolo Ruben Lopez (14.033) e il tedeco Ivan Rittschik (13.866).

SBARRA:

Anche su questo attrezzo è il cinese Di Tan a guardare tutti dall’alto con 14.566. Alle sue spalle il giapponese Hidetaka Miyachi (14.400) e il tedesco Andreas Bretschneidr (14.200). Accedono all’atto conclusivo anche il croato Anton Kovacevic (14.066), lo statunitense Marvin Kimble (13.833), lo svizzero Sascha Coradi (13.366), l’australiano Mitchell Morgans (13.366), il norvegese Pietro Giachino (13.300).

 





WEB TV

Lascia un commento

scroll to top