Volley, SuperLega 2017-2018 – Milano sta esplodendo: la mano di Giani, le bombe di Abdel Aziz, la gioventù di Sbertoli. Si sogna in grande, ma il PalaLido…

Andrea-Giani.jpg

Milano è la grande rivelazione di questo avvio di SuperLega. Il massimo campionato italiano di volley maschile sembra aver trovato una nuova valida protagonista dopo aver espugnato il fortino di Trento e aver vinto con pieno merito il sentito derby contro Monza. Le ultime stagioni dei meneghini erano sempre state sottotono, concluse nei bassifondi della classifica e senza riuscire a impressionare ma questa volta il Presidente Lucio Fusaro (ieri trionfante in campo con la mamma Margherita che festeggiava 91 anni) ha fatto le cose al meglio. Il mercato estivo è stato di primissimo piano ma molto del merito di questo stravolgimento è dovuto all’arrivo di coach Andrea Giani che ha saputo gestire al meglio il parco giocatori a sua disposizione.

Il Giangio, centrale della Generazione dei Fenomeni, è reduce dai due secondi posti agli Europei con Slovenia e Germania, si era dimesso da Verona lo scorso autunno e ha dimostrato di essere un eccellente allenatore, tra i migliori in circolazione a livello internazionale. La sua mano si vede in campo ma anche nel dietro le quinte con la creazione di un gruppo che sembra davvero molto compatto e unito. Stiamo parlando di una squadra con un progetto, costruita in maniera attenta in ogni reparto nonostante stia giocando senza una casa propria, in perenne trasferta al PalaYamamay di Busto Arsizio e in attesa che i lavori del PalaLido a Milano vengano completati (si parla di questa primavera): sarà l’unico modo per cercare di far affezionare un pubblico da metropoli.

Nimir Abdel-Aziz è l’uomo in più, un opposto con i fiocchi che sta esplodendo a suon di punti. Il giovane Riccardo Sbertoli è cresciuto molto negli ultimi anni in cabina di regia e si sta consacrando, poi l’esperienza di un centrale da Nazionale come Matteo Piano, la garanzia di uno schiacciatore di lusso come Schott e Milano è ancora in attesa dell’infortunato Klemen Cebulj, martello sloveno particolarmente apprezzato da Giani che sa già cosa sia la SuperLega e che è pronto a dire la sua. Già giovedì sera, nel posticipo del turno infrasettimanale contro Civitanova, capiremo davvero la portata della Revivre: riusciranno a resistere all’onda d’urto dei Campioni d’Italia?

Intanto l’entusiasmo di Giani è ben percepibile nelle dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta dello Sport:A Milano c’è un potenziale incredibile. C’era già ai tempi in cui giocavo e ci venivamo con la Nazionale. Si tratta di saperlo coltivare e non è solo una questione di vittorie. Il servizio è un’arma importante per la nostra squadra, penso che abbiamo grandi potenzialità da questo punto di vista con tutti i giocatori, non soltanto con Nimir. Abbiamo un percorso di crescita, dobbiamo continuare a lavorare. La panchina? E’ un valore aggiunto di questo gruppo: la abbiamo usata nel derby, come era stata preziosa nella vittoria di Trento alla prima giornata. Sappiamo di avere un gruppo di tredici atleti che si rivelerà importantissimo in questa stagione”.





WEB TV

Lascia un commento

scroll to top