Tennis, Rafael Nadal è inarrestabile: sua anche la finale di Pechino. Scatenati David Goffin e Caroline Garcia a Tokyo e in Cina

tennis-rafa-nadal-twitter-us-open-2017-e1507469051222.jpg

Si è chiusa con il match tra il n.1 del mondo Rafael Nadal e l’australiano Nick Kyrgios, n.19 del ranking, la sequenza di finali in terra asiatica di questa settimana.

Nell’ATP di Pechino (Cina) Rafa ha chiuso il cerchio. Kyrgios era stato l’ultimo a superare nel 2017 lo spagnolo, riferendoci al torneo di Cincinnati (Usa). Ebbene, Nadal da quella eliminazione cocente ai quarti di finale ha aumentato i giri del motore, portandosi a casa gli Us Open e centrando il bersaglio grosso di Beijing a distanza di 12 anni. 75° titolo per il maiorchino. Un atto conclusivo a senso unico, vinto dal fenomeno di Manacor per 6-2 6-1 in 1 ora e 33 minuti di partita nel quale il poderoso servizio di Kyrgios non ha mai scalfito la difesa da fondo del n.1 ATP. Dritti devastanti e lucidità nei momenti topici dei game sono state le armi che non hanno dato scampo alcuno all’aussie, ancora una volta, piuttosto fragile nel braccio di ferro tennistico con l’iberico. Nadal che con questo successo torna in vantaggio anche nel computo dei match disputati con Nick (3-2).

Di grande livello anche la prestazione del belga David Goffin nella finale di Tokyo. Il belga, a distanza di una settimana dopo il titolo di Shenzhen, ha fatto suo anche l’appuntamento nel Sol Levante battendo in 1 ora e 23 minuti di gioco Adrien Mannarino per la terza volta in altrettanti confronto. Un 6-3 7-5 frutto di un match molto ben giocato dal belga, capace di piegare un Mannarino di ottimo livello ma spesso perdente nei lunghi scambi. Transalpino che può rammaricarsi per non aver sfruttato un calo di Goffin a metà parziale nel 2° set ma il tennis messo in mostra dal 26enne di Rocourt è stato di grande qualità. Uno score che consente a Goffin di ottenere il 4° torneo in carriera, il primo 550 ed il settimo posto nella ATP Race, importante nell’ottica qualificazione al Master di Londra.

Sul versante femminile, Caroline Garcia si è confermata in versione super convincente. Vittoriosa a Wuhan 7 giorni fa, in questa domenica di Pechino c’è stata per lei la definitiva consacrazione battendo nientepopodimeno che la nuova n.1 del mondo, la rumena Simona Halep. Il 6-4 7-6 proietta la rappresentante d’Oltralpe all’ottavo posto nella Race to Singapore e alla posizione n.9 nel ranking (il meglio mai raggiunto). Per la Halep c’è sicuramente amarezza trattandosi della quarta finale persa nell’anno, ricordando Roma, Roland Garros e Cincinnati.

FINALE ATP PECHINO
R. Nadal (Spa) b. N. Kyrgios (Aus) 6-2 6-1

FINALE ATP TOKYO
D.Goffin (Bel) b. A. Mannarino (Fra) 6-3 7-5

FINALE WTA PECHINO
C. Garcia (Fra) b. S. Halep (Rou) 6-4 7-6

 





 

LEGGI QUI LE NOTIZIE DI TENNIS

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo twitter Us Open

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top