Surf, Campionati Italiani 2017: tutti i vincitori. Spiccano due azzurri di origine costaricana….

bonomelli-FISW.jpg

Angelo Bonomelli esce da un tubo del Capo e si invola verso il titolo italiano


Si conclusi oggi i FISW Surf Games, i primi campionati italiani organizzati dalla neonata sezione surf della Federazione Italiana Surf e Sci Nautico in collaborazione con l’Is Benas Surf Club di Oristano.

Reduce dal recente successo a Eurosurf 2017 in Norvegia, la federazione ha optato per un campionato a tappa unica sulle onde offerte dalla penisola del Sinis in Sardegna, con le competizioni che in due giorni di gare si sono divise tra Capo Mannu e il Mini Capo, due spot che possono essere tranquillamente inclusi nella lista dei migliori a livello Mediterraneo.

La scelta di abbandonare il formato tour per questa stagione è stata probabilmente dettata da ragioni di contingenza, non essendoci stata la possibilità in soli sette mesi di vita di organizzare un campionato a tappe da parte della Federazione. L’idea però di inserire i campionati italiani in un evento di più largo respiro iniziato il week end scorso con la Sagra del Surf e conclusosi appunto con la nomina dei campioni italiani 2017 (short, longboard, bodyboard, SUP wave) è stata premiata.

Il Sinis rappresentava infatti per gli organizzatori la migliore scelta, essendo una delle poche location in Italia a poter offrire ottimi spot che lavorano con quasi qualsiasi tipo di mareggiata. Una mareggiata da Nord-Ovest ha colpito le coste sarde in questi giorni, offrendo nel week-end solide onde overhead dove i 120 atleti accorsi hanno potuto dare il meglio.

Nella finale della categoria surf open maschile si sono ritrovati i tre moschettieri nazionali Angelo Bonomelli, Alessandro Piu e Roberto D’Amico reduci dalla trasferta norvegese, con l’inserimento del veterano versiliese Jacopo Conti (campione italiano 2008). A spuntarla è l’italo-costaricense Bonomelli, già vincitore del titolo nel 2009 e attualmente migliore italiano in classifica QS dopo Leonardo Fioravanti, nonché miglior classificato nella short ai recenti Europei in Norvegia per la squadra italiana. Al secondo posto il sardo Alessandro Piu e al terzo il romano D’amico.

Ha un accento centro americano anche l’oro femminile, con la diciottenne costaricense Emily Giussoni ad avere la meglio su Giada Legati, la diciassettenne italiana residente a Bali che agli ultimi Europei in Norvegia ha concluso al quarto posto la prima esperienza internazionale tra i senior. Al terzo, la veterana Valentina Vitale, già sette volte campionessa italiana e ancora in grado di tenere il passo delle nuove leve. Per la Giussoni si è trattato del primo assaggio di onde italiane, un impatto che a quanto pare non ha sofferto. La speranza della Federazione è sicuramente quella di poter riuscire a schierare l’atleta nei prossimi appuntamenti internazionali, essendo in possesso di passaporto italiano e di un talento indiscutibile, visto l’attuale posizione 135 nel ranking QS 2017.

La sorpresa di giornata è arrivata da longboard maschile, dopo il recente argento europeo Matteo Fabbri ha dovuto lasciare il passo al giovane Mattia Maiorca. Il diciassettenne di Oristano, su un’onda che conosce a memoria ha portato a casa una vittoria convincente, e che se sommata ai 18 e 17 anni delle prime due posizioni dello short femminile, fa ben sperare la nazionale per i futuri appuntamenti internazionali. Terzo per quanto riguarda la tavola lunga Alessandro Demartini e quarto Renato Carta.

Nel longboard femminile si impone Francesca Rubegni, la Kelly Slater italiana, visto che con quello di quest’anno sono 12 i titoli italiani vinti. Per l’atleta toscana una conferma di maturità (se mai ce ne fosse stato il bisogno) dopo la conquista del quinto posto nel Longboard Tour europeo WSL. A seguire in classifica Valentina Marconi, Cristina Dotti e Stella Lauro.

Non c’è storia nel bodyboard maschile, dove il bronzo europeo Genesio Ludovisi ha la meglio di Edoardo Bracaloni e Creti.





Vittoria di Valentina Corbelli su Laura Sanicola nel bodyboard femminile, mentre si aggiudicano rispettivamente i titoli maschile e femminile di SUP Wave Alessandro Onofri e Margherita Boschetti.

Qui di seguito i podi completi della manifestazione.

Open Short maschile

  1. Angelo Bonomelli
  2. Alessandro Piu
  3. Roberto D’Amico
  4. Jacopo Conti

Open Short femminile

  1. Emily Gussoni
  2. Giada Legati
  3. Valentina Vitale
  4. Valeria Patriarca

Longboard Maschile

  1. Mattia Maiorca
  2. Matteo Fabbri
  3. Alessandro Demartini
  4. Renato Carta

Longboard Femminile

  1. Francesca Rubegni
  2. Valentina Marconi
  3. Cristina Dotti
  4. Stella Lauro

Bodyboard Maschile

  1. Genesio Ludovisi
  2. Edoardo Bracaloni
  3. R. Creti

Bodyboard Femminile

  1. Valentina Corbelli
  2. Laura Sarnicola

SUP Wave Maschile

  1. Alessandro Onofri
  2. Leonard Nika
  3. Ferro
  4. Benettolo

SUP Wave Femminile

  1. Margherita Boschetti
  2. Alessia Fulceri

Luca Dalla Costa

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina Facebook FISW

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top