Ciclismo, Mondiali Bergen 2017: Italia a tre punte in campo femminile

Longo-Borghini-Valerio-Origo.jpg

Mancano ormai 10 giorni alla prova in linea femminile dei Campionati del mondo di ciclismo: nonostante il successo manchi ormai dal 2011, le ragazze hanno sempre portato ottimi risultati alla spedizione italiana negli ultimi anni e anche a Bergen potrebbero togliersi importanti soddisfazioni.

Dovrebbero essere tre le punte della squadra: Elisa Longo Borghini, medagliata lo scorso anno alle Olimpiadi e sul podio iridato nel 2012, è tra le più forti atlete in circolazione e dovrebbe essere il faro della nazionale. Può attaccare in salita, ma per vincere di fatto deve arrivare da sola in quanto allo sprint è spesso battuta. Elena Cecchini è un’egregia seconda punta, che può giocarsi le sue carte su diversi terreni, anche se probabilmente non è ancora una carta vincente contro le big del panorama internazionale. Giorgia Bronzini, in fine, è la velocista designata. Due volte iridata in carriera, supera bene le difficoltà altimetriche e in volata va battuta: in stagione ha conquistato una sola vittoria, ma a 34 anni questa potrebbe essere una delle ultime grandi opportunità della sua carriera.

Anche Tatiana Guderzo dovrebbe essere certa del posto, come eventuale attaccante e donna d’esperienza in seno alla squadra. Per completare la rosa, il CT Dino Salvoldi ha a disposizione altri tre posti e per occuparli dovrebbe avere una lista piuttosto ridotta da cui pescare: si tratta, salvo sorprese, di Marta Bastianelli, Maria Giulia Confalonieri, Sofia Bertizzolo, Rossella Ratto e Soraya Paladin.

Domani, assieme alla nazionale maschile, verrà presentata anche quella in rosa, a confutare tutti i dubbi sulle atlete che prenderanno parte alla competizione di Bergen.

 




Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Valerio Origo

Lascia un commento

Top