Golf, Solheim Cup 2017: gli Stati Uniti dominano i fourballs del pomeriggio e si portano in vantaggio di tre punti


Sul percorso del Des Moines Golf and Country Club in West Des Moines, Iowa, è scattata la quindicesima edizione della Solheim Cup, la Ryder Cup del golf femminile. Già nella prima giornata lo spettacolo non è mancato, con l’Europa che si è portata avanti dopo la sessione del mattino, subendo però la travolgente rimonta americana con le statunitensi vincitrici di tutti i match del pomeriggio. Il risultato dopo i primi otto incontri è di 5½-2½.

Il programma della competizione femminile è lo stesso degli uomini, per cui ad aprire le danze sono stati i match di foursome. Il primo ha già regalato spettacolo ed emozioni: team USA ha subito calato gli assi, schierando Cristie Kerr e Lexi Thompson. Le due hanno iniziato alla grande, vincendo la prima buca contro le europee Mel Reid e Charley Hull. Queste ultime sembravano spacciate ma in un incontro in cui solo 6 buche sono state pareggiate sono riuscite a portarsi in vantaggio di due punti con due buche da giocare. Kerr e Thompson però, hanno dimostrato perché sono la coppia più prolifica del team americano, pareggiando i conti. Grande equilibrio, invece, nel match successivo, con Danielle Kang (foto) e Lizette Salas che hanno dovuto attendere l’ultima buca, pur stando sempre avanti nel punteggio, per avere ragione di Carlota Ciganda e Caroline Masson.

L’Europa si è però rifatta sotto alla grande nel terzo incontro, quando Georgia Hall ed Anna Nordqvist hanno dominato contro Paula Creamer ed Austin Ernst, chiudendo l’incontro con una buca d’anticipo. Il team del Vecchio Continente, dopo il pareggio, è riuscito anche a chiudere in vantaggio la sessione del mattino grazie alla vittoria di Karine Icher e Catriona Matthews. Le due, sotto per gran parte del match contro Stacy Lewis e Gerina Piller, hanno recuperato nelle seconde nove, vincendo le buche 13, 14 e 16.

L’equilibrio del mattino si è trasformato in un dominio americano nei fourballs del pomeriggio. A cominciare sono state Danielle Kang e Michelle Wie, che hanno vinto le prime due buche senza più voltarsi indietro contro Jodi Ewart Shadoff e Madelene Sagstrom. Poi è stata la volta di Lizette Salas e Angel Yin, che hanno battuto Carlota Ciganda ed Emily Pedersen con addirittura cinque buche d’anticipo. È un poco meglio a Caroline Masson e Florentyna Parker, battute con due buche da giocare da Brittany Lang e Brittany Lancicome, imbattute in coppia nella Solheim Cup. Infine, Georgia Hall e Charley Hull hanno lottato ma si sono dovute arrendere sul green della 17 a Stacy Lewis e Gerina Piller. Una superiorità a stelle e strisce con l’Europa mai avanti in nessuno dei quattro match. Dal 2½-1½ del mattino si è quindi passati al 2½-5½ del pomeriggio: da quando è stata adottata questa formula, Team USA non ha mai perso quando è stato avanti dopo le prime due sessioni.

 




 

I risultati:

Foursome

Cristie Kerr & Lexi Thompson Halved Mel Reid & Charley Hull
Danielle Kang & Lizette Salas def. Carlota Ciganda & Caroline Masson 1up
Georgia Hall & Anna Nordqvist def. Paula Creamer & Austin Ernst 3&1
Karine Icher & Catriona Matthew def. Stacy Lewis & Gerina Piller 1up

Fourballs

Danielle Kang & Michelle Wie def. Jodi Ewart Shadoff & Madelene Sagstrom 3&1
Lizette Salas & Angel Yin def. Carlota Ciganda & Emily Pedersen 6&5
Brittany Lang & Brittany Lincicome def. Caroline Masson & Florentyna Parker 3&2
Stacy Lewis & Gerina Piller def. Georgia Hall & Charley Hull 2&1

 

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Twitter Solheim Cup 2017

Lascia un commento

scroll to top