Surf, World League 2017: Leonardo Fioravanti a caccia di punti in Sudafrica!

Jordy-Smith.png

Jordy Smith in azione


A quasi un mese di distanza dall’Outerknown Fiji Pro, la World Surf League riparte il 12 Luglio dal Sudafrica con il classico evento sull’onda di J-Bay.

I primi cinque atleti in classifica generale sono racchiusi a metà stagione nell’arco di soli 600 punti. L’onda di Supertubes riuscirà a scremare il lotto?

Dopo l’ultima gara sull’atollo di Tavarua, a indossare la maglia gialla di leader della classifica sarà l’australiano Matt Wilkison, come già successo un anno fa dopo il secondo posto alle Fiji. Se però la stagione scorsa si era trovato in questa posizione quasi per caso, quest’anno ci arriva forte di una vittoria sulla sinistra di Cloudbreak e dopo aver dimostrato grande solidità fisica e mentale. Sull’onda di Supertubes l’unico goofyfooter a vincere è stato l’australiano Mark Occhilupo, Wilkinson spera proverà a fare la storia e cambiare la tendenza.

Il primo inseguitore di Wilkinson sarà l’australiano John John Florence: dopo due uscite di seguito al Round 3 negli ultimi due eventi, ha bisogno di riprendere la marcia interrotta alla fine del leg australiano, quando sembrava già involarsi verso uno scontato secondo titolo mondiale. L’anno scorso solo l’australiano Mick Fanning è riuscito a fermarlo in finale, quest’anno proverà a rifarsi.

Terzi a pari merito in classifica generale si presentano: il brasiliano Adriano De Souza, cliente ostico se le condizioni gli permetteranno di esprimere a pieno il suo powersurfing; l’australiano Owen Wilson, che dopo l’exploit nell’evento d’apertura in Gold Coast pare un po’ in debito d’ossigeno; e l’uomo di casa Jordy Smith, fresco vincitore dell’evento QS 10.000 a Ballito e già due volte vincitore a Jeffreys Bay.

Se la vittoria in Sudafrica a guardare la storia è appannaggio dei regular footers, a scorrere l’albo d’oro ci si accorge che dal 2002 l’evento è stato monopolizzato da 4 atleti: il già citato Jordy Smith e tre veterani del tour come il sudafricano Joel Parkison, Mick Fanning e l’americano Kelly Slater. Il primo dei tre vets è al momento sesto in classifica generale e ha l’occasione con una vittoria di rifarsi sotto al quintetto di testa, il secondo di raggiungere il record di cinque vittorie sull’onda di Jeffreys Bays mentre Slater non vince dal 2008 e da quell’anno non va in finale, ma essendo questa la sua ultima stagione sicuramente farà valere l’esperienza.

Per quanto riguarda Leonardo Fioravanti, la partecipazione al recente QS 10.000 Ballito Pro non è probabilmente andata come ci si aspettava, con un’uscita precoce al Round 3. Considerato però che a Bells Beach, altra onda destra lunga e potente del Championship Tour, l’uscita al Round 2 è avvenuta per pochi centesimi di punto e che l’italiano è tornato dalle Fiji con un ottimo quinto posto, i margini per sperare in una buona prestazione ci sono tutti. Al primo turno se la vedrà con l’americano Kolohe Andino, a secco di risultati dopo la finale al Margaret River Pro, e col brasiliano Italo Ferreira, goofyfooter appena rientrato dall’infortunio e battuto all’Outerknown Fiji Pro.
L’evento dovrebbe aprirsi il 12 e 13 Luglio con onde altezza testa, e una mareggiata più consistente con dimensioni overhead è attesa per il quarto e quinto giorno di gare.

Le gara sarà trasmessa in diretta sui canali ufficiali della World Surf League.

JEEP Leaderboard Men

Matt Wilkinson (AUS), 26.750 pt.
John John Florence (HAW), 26.500 pt.
Jordy Smith (SUA), 26.150 pt.
Adriano De Souza (BRA), 26.150 pt.
Owen Wright (AUS), 26.150 pt.

HEAT 1
J. Parkinson, W. Dantas, M. Pupo

HEAT 2
O. Wright, B. Durbidge, J. Kerr

HEAT 3
A. de Souza, F. Morais, J. Andre

HEAT 4
M. Wilkinson, J. Flores, E. Ewing

HEAT 5
J. Smith, C. Coffin, TBD

HEAT 6
J. Florence, I. Gouveia, TBD

HEAT 7
K. Andino, I. Ferreira, L. Fioravanti

HEAT 8
J. Wilson, K. Slater, K. Igarashi

HEAT 9
C. O’Leary, A. Buchan, J. Freestone

HEAT 10
G. Medina, C. Ibelli, S. Kennedy

HEAT 11
S. Zietz, M. Fanning, J. Duru

HEAT 12
M. Bourez, F. Toledo, E. Lau

 

Luca Dalla Costa

Lascia un commento

Top