Seguici su

Scherma

Scherma, Mondiali 2017: Zherebchenko trionfa nel fioretto maschile. Bronzo per Daniele Garozzo

Pubblicato

il

Dmitry Zherebchenko rovina la festa giapponese e si laurea Campione del Mondo nel fioretto maschile. Il russo conquista la medaglia d’oro dopo aver sconfitto in finale il nipponico Toshiya Saito con il punteggio di 15-12. In precedenza in semifinale Zherebchenko aveva superato Takahiro Shikine sempre per 15-12. Il Giappone si deve dunque consolare con l’argento e il bronzo.

Non riesce la tripletta dunque a Daniele Garozzo. Dopo l’oro olimpico e quello europeo, il fiorettista siciliano manca quello mondiale, ma conquista comunque una prestigiosa medaglia di bronzo, che resta comunque la sua prima in una rassegna iridata. Fatale per Garozzo la sconfitta in semifinale contro Saito per 15-12 al termine di un assalto che ha visto l’asiatico allungare in maniera decisiva sul 12-6 e poi conservare il vantaggio sull’azzurro.

Daniele si era qualificato per la semifinale dopo aver sconfitto 15-14 l’americano Race Imboden. Una rimonta incredibile quella del siciliano, che è sempre stato sotto per tutto l’assalto (cominciato 4-0 per l’americano). Imboden si è portato sul 14-11 e sembrava avere in mano la qualificazione, ma da quel momento c’è stato lo splendido recupero di Daniele che ha infilato le successive quattro stoccate e ha conquistato un posto sul podio.

Purtroppo non è arrivata una seconda medaglia azzurra, perchè Alessio Foconi cede 15-13 al giapponese Takahiro Shikine, subendo la rimonta del giapponese dopo essersi trovato avanti per 13-11. Il fiorettista asiatico era già stato il giustiziere di Giorgio Avola nei sedecesimi, con il siciliano che aveva rimontato dal 14-7 prima di cedere all’ultima stoccata.

Negli ottavi di finale, invece, si era fermata la corsa di Andrea Cassarà, sconfitto nel derby tricolore da Alessio Foconi per 15-14.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Augusto Bizzi per Federscherma

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *