Equitazione, Salto Ostacoli. Podio tutto belga nel Gran Premio di Knokke Hippique. Trionfa Gudrun Patteet, Bucci e De Luca nelle retrovie

Piergiorgio-Bucci-Equitazione-Foto-Grassia-FISE.jpg

Azzurro sbiadito nel Cinque Stelle belga di Knokke Hippique. Piergiorgio Bucci e Lorenzo De Luca sono incappati in una giornata storta e sono finiti nelle posizioni di rincalzo a causa degli errori commessi nel percorso base, che li hanno esclusi entrambi dal barrage. Bucci in sella a Casallo Z ha dovuto incassare 4 penalità che lo hanno relegato al 17° posto, mentre l’Aviere scelto Lorenzo De Luca, salito di recente al terzo posto nella FEI Ranking List, non si è espresso al meglio col fido Ensor de Litrange LXII e ha concluso la sua prova al 33° posto con 9 penalità. De Luca, tuttavia, dopo aver accantonato l’idea di conquistare il Longines Global Champions Tour 2017, non ha intenzione di fermare la sua rincorsa al primo posto mondiale e intanto cercherà di fornire il suo fondamentale contributo alla causa dell’Italia in Coppa delle Nazioni.

Il Gran Premio del CSI5* di Knokke Hippique, ad ogni modo, si è rivelato un autentico trionfo per i padroni di casa belgi, che hanno occupato l’intero podio. La vittoria è andata all’amazzone Gudrun Patteet, che in sella a Sea Coast Pebbles Z ha realizzato un doppio netto, fermando il cronometro nel barrage sul tempo di 44”33 e tenendosi alle spalle i connazionali Pieter Devos con Espoir (44”86) e Olivier Philippaerts con H&M Legend of Love (45”40). Ai piedi del podio si è piazzato il francese Kevin Staut, a cui non sono bastati un doppio netto e un tempo di 46”22 nel barrage in sella a For Joy Van’T Zorgvliet Hdc per interrompere il dominio belga. Al barrage hanno preso parte 13 binomi, inclusi i due fratelli britannici William e John Whitaker, rispettivamente sesto e decimo. Pesa come un macigno, infine, l’errore all’ultimo ostacolo del tedesco Daniel Deusser, che ha gettato alle ortiche la vittoria con Equita Van T Zorgvliet, chiudendo col tempo migliore di tutti nel barrage (43”59) ma con 4 sanguinose penalità.

mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Grassia/FISE

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top