Calcio femminile, Europei 2017: le stelle della manifestazione. Le Sommer e Mittag punte di sfondamento, il carisma di Seger e la creatività di Marozsán

Anja-Mittag-calcio-femminile-Pagina-FB-Mittag.jpg

Manca sempre meno all’inizio della rassegna europea di calcio femminile in Olanda (16 luglio-6 agosto).  Campionato che avrà un percorso subito in salita per le Azzurre inserite nel difficilissimo gruppo B con Germania, Svezia e Russia. Un girone infernale per la nostra compagine, infatti, che dovrà vedersela con avversarie di grande tradizione e qualità sapendo che il passaggio di turno sarà riservato alle prime due squadre. Torneo che avrà nella citata Germania e nella Francia, le due squadre più forti del lotto mentre nel ruolo di outsider le svedesi, la Svizzera e la Spagna sembrerebbero avere delle chance per poter sorprendere. Compagini forti con grandi calciatrici nel proprio roster. Andiamo a scoprire quali potrebbero essere le stelle della manifestazione.

ANJA MITTAG (GERMANIA) 

Classe 1985 l’attaccante del Rosengard è tra le figure più esperte della selezione teutonica e di tutto l’Europeo. Le sue qualità sono quelle tipiche dell’attaccante d’area di rigore, difficile da marcare e imbrigliare anche per la sua fisicità. Con 50 reti in 153 partite, vestendo la maglia della Germania, la Mittag è senza dubbio uno dei punti di riferimento offensivi più importanti di questa Fase Finale del Campionato Continentale, potendo contare su compagne di squadra in grado di servirla a dovere e renderla letale per le difese avversarie.

DZSENIFER MAROZSAN (GERMANIA)

Creatività e potenza al servizio della compagine: sono queste la caratteristiche del trequartista tedesco. Ottima visione di gioco ed anche grande prolificità, come le 30 reti siglate in 73 match in Nazionale dimostrano. La Marozsan è una calciatrice in grado di spostare gli equilibri e potrebbe essere proprio lei l’ago della bilancia in casa teutonica. Una giocatrice che già tra le fila del Lione, campione d’Europa per club, ha messo in mostra il proprio bagaglio tecnico di primo livello. Replicare nelle tre settimane in Olanda non è difficile aspettarselo.

EUGENIE LE SOMMER (FRANCIA)

Quando le avversaria vedono una chioma bionda con la maglia della Francia in avanti tremano: 60 reti in 135 partite, capocannoniere nel girone di qualificazione e letale con l’Olympique Lione. La Le Sommier è uno degli spauracchi della fortissima rosa francese. Abilità tecniche di primo ordine e determinazione in fase realizzativa animano la 28enne transalpina intenzionata a trascinare le sue compagne verso un successo che sarebbe storico.

CAROLINE SEGER (SVEZIA)

Faro del centrocampo svedese e del Lione la Seger è tra le giocatrici con più carisma. Mentalità vincente, spesso insuperabile nei contrasti, le peculiarità della scandinava sono quelle del classico mediano, schermo ideale davanti alla difesa ma anche a supporto dell’attacco come le 21 reti con la sua rappresentativa certificano.

JENNIFER HERMOSO (SPAGNA)

Attaccante del Barcellona e 18 marcature con la maglia della Spagna, la Hermoso è una delle atlete da tenere più sotto osservazione. Dribbling e visione della porta garantiscono alla punta delle “Furie Rosse” certezze che poche altre hanno negli ultimi metri. Un calcio ben amalgamato con la filosofia spagnola avente nel possesso palla insistito e nel gioco corto un mantra.

RAMONA BACHMANN (SVIZZERA)

Forza e dribbling in velocità. La classe ’90, militante nel Chelsea, insieme a Lara Dickenmann è tra le fila elvetiche uno degli assi di questa competizione. 47 realizzazioni con la divisa della sua Nazionale e un numero di assist in quantità industriale per le compagne, la 26enne rossocrociata ha dimostrato più volte di far male alle difese rivali andando a segno in diversi modi e non dando mai un riferimento offensivo chiaro alle avversarie in campo.

 

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina facebook Anja Mittag

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top