Calcio: Gianluigi Donnarumma si trasforma in “Dollarumma”. Dollari falsi volano in campo. Manifestazione che ci sta o fuori luogo?

18921642_447134935641900_3522558009441589509_n.jpg

Missione compiuta per l’Italia di Luigi Di Biagio nella prima partita del gruppo C dell’Europeo Under21 2017 in Polonia. 2-0 contro la Danimarca, rete fantastica in rovesciata di Lorenzo Pellegrini e raddoppio da rapace d’area di Andrea Petagna. Tutti contenti e sereni in vista dell’impegno del 21 giugno contro la Repubblica Ceca? Tutti tranne uno: Gianluigi Donnarumma. 

Ebbene si, il tanto discusso portiere che in questi giorni è finito nel fuoco mediatico per il mancato rinnovo del contratto con il Milan ha dovuto fare i conti con le proteste dei tifosi rossoneri anche nel corso della partita della Nazionale Italiana a Cracovia. Nel primo tempo infatti, dietro la porta dell’estremo difensore, era stato esposto uno striscione con scritto “#Dollarumma” , a questo è seguito un lancio in campo di banconote, ovviamente false, per rendere ancor più incisivo il messaggio di protesta nei confronti del classe ’99. L’accusa è chiara: aver scelto solo i soldi, aver messo in secondo piano un amore sedicente per la maglia ed aver scelto un progetto alternativo alla squadra milanese.

Pensava di averla scampata il buon “Gigio”, rintanato nel ritiro dell’Under21 ed invece anche in Polonia, gli echi del dissenso si sono fatti sentire. Una manifestazione accettabile o fuori luogo per il contesto in cui si è tenuta la partita? L’opinione pubblica si è divisa e le posizioni sono le seguenti: da un lato si ritiene che la protesta sia stata dai toni assolutamente civili, non si sia scesi ad insulti particolari nei confronti del portiere e pertanto è da considerarsi un semplice sfottò figlio dell’atteggiamento, a detta dei tifosi, poco corretto; dall’altro l’essersi esibiti in lancio di dollari “finti” sul rettangolo di gioco, in un evento internazionale, poco era legato con la maglia italiana e l’importanza della posta in palio. In buona sostanza cosa c’entra prendere in giro un singolo quando il supporto dovrebbe essere per la bandiera? Si pensa al club o alla Nazionale? 

Ognuno può darsi una risposta e sposare la linea che ritiene giusta. Spiace però che un agire goliardico o meno possa essere più importante dello splendido gesto atletico di Pellegrini o del fiuto del gol di Petagna. Ci si augura che, qualora l’avventura degli Azzurrini dovesse continuare, non siano le beghe campanilistiche a prevalere, mettendo in secondo piano qualcosa di assai più importante.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina facebook Gianluigi Donnarumma

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top