Giro d’Italia 2017, dodicesima tappa: Forlì-Reggio Emilia. Chance per i velocisti…o per le fughe

Tappa-12.jpg

cof


Dodicesima tappa del Giro d’Italia numero 100, partenza da Forlì e arrivo dopo 229 km a Reggio Emilia. Frazione che presenta due salite nella prima parte, ma con un finale totalmente pianeggiante sembra perfetta sulla carta per i velocisti.

La tappa

Si parte da Forlì e si inizia subito a salire verso Colla di Casaglia, un GPM di seconda categoria. Discesa e breve tratto in pianura che porterà i corridori al traguardo volante di Barberino del Mugello per poi entrare nell’autostrada A1 e affrontare il Valico Appenninico. Da lì in poi lungo tratto di discesa fino al secondo traguardo volante di giornata: Sasso Marconi. I restanti 80 km sono completamente pianeggianti. Gli ultimi chilometri non presentano particolari insidie, il rettilineo finale è lungo 350 metri.

Di seguito l’altimetria della tappa:

T12_ReggioEmilia_alt_web

I favoriti

Tappa adatta alle ruote veloci, con tre corridori che spiccano sulla concorrenza: il tedesco André Greipel (Lotto-Soudal), l’australiano Caleb Ewan (Orica-Scott) e il colombiano Fernando Gaviria (QuickStep-Floors). Attenzione anche all’irlandese Sam Bennett (Bora – Hansgrohe) e al belga Jasper Stuyven (Trek – Segafredo), già piazzati nelle scorse volate. L’Italia si affiderà a Jakub Mareczko (Wilier Triestina) per cercare il primo successo in questo Giro, ma ci proveranno anche Sacha Modolo (UAE Emirates) e Kristian Sbaragli (Dimension Data).

alessandro.farina@oasport.it

Disegno in copertina a cura di Angelo Giacovazzo (qui il suo profilo Instagram)

PER VISUALIZZARE TUTTI I DISEGNI DI ANGELO GIACOVAZZO, CLICCA QUI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top