Ginnastica, Trofeo di Jesolo 2017 – Tutte le giovani da tenere d’occhio: Italia e USA grandi speranze

damato.jpg

Saranno tante le giovani da tenere sott’occhio al Trofeo di Jesolo, Classicissima della Polvere di Magnesio che catalizzerà l’attenzione di tutti gli appassionati nel weekend. Al PalaArrex è tutto pronto per la super sfida tra USA, Italia, Russia, Canada, Francia, Belgio: primo appuntamento del quadriennio per le squadre (l’unico della stagione), tanti volti nuovi che sognano le Olimpiadi di Tokyo 2020, nuovo codice dei punteggi.

Le veterane ammirate nelle ultime stagioni non ci saranno, bisogna abituarsi ai nomi nuovi e in laguna c’è sempre spazio per chi vuole lanciarsi: quattro anni fa nessuno conosceva Simone Biles che anzi aveva perso al suo esordio (sarebbe stato l’unico ko nell’intero ciclo olimpico). Conosciamo più da vicino le giovani che saranno protagoniste al Trofeo di Jesolo.

 

SENIORES

Gli USA sono quasi tutti da scoprire. Si parla molto bene di Trinity Thomas, Morgan Hurd si è già vista in Coppa del Mondo (deve migliorare sotto il profilo della continuità), stesso discorso per Riley McCusker. Andiamo sulla fiducia di queste ragazze al loro primo anno tra le grandi, proprio come le russe Elena Eremina (Campionessa d’Europa juniores all-around) e Natalia Kapitonova (eccellenti parallele): entrambe sono dotate di eleganza e doti tecniche interessanti.

Axelle Klinckaert si è già vista al Test Event ed è una giovane belga dal futuro assicurato, proprio come la canadese Jade Chrobok. Thais Fidelis è una scommessa per il Brasile e potrebbe esplodere proprio a Jesolo.

 

JUNIORES:

Qui ci sono tutte le giovani che saranno davvero protagoniste nel proprio quadriennio. E proprio tra le under 16 l‘Italia sembra essere quella messa meglio con elementi di assoluto rilievo, ormai già apprezzate a livello internazionale come le gemelle D’Amato, Giorgia Villa, Elisa Iorio, Martina Basile (giusto per citare le ragazze che sembrano essere più avanti degli altri talenti che vedremo con il body azzurro).

Gli USA hanno sconfitto la nostra Nazionale all’International Gymnix di inizio mese ma le due squadre non sono mai state così vicine come a Montreal: Malabuyo, O’Keefe, Perea sono da monitorare molto attentamente. Uno sguardo lo merita anche la canadese Ana Padurariu mentre la Russia è davvero tutta da scoprire.

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top