Tuffi: da Tania Cagnotto a Roseline Filion, quanti ritiri tra le donne dopo Rio 2016

L’uscita di scena più commovente – siamo di parte – l’ha fatta Tania Cagnotto: addio ai tuffi dopo il bronzo olimpico a Rio 2016, seconda medaglia a cinque cerchi della settimana (e della carriera) dopo l’argento nel sincro da 3 metri con la compagna di sempre, Francesca Dallapè. Entrambe le azzurre hanno detto basta con i tuffi in grande stile. Ora la trentina è incinta mentre la bolzanina, che probabilmente farà una gara d’addio a maggio a Torino, si gode il viaggio di nozze tra Polinesia e Stati Uniti. Ripensamenti? Difficili.

Rispetto a quanto dichiarato alle Olimpiadi ha fatto invece un leggero passo indietro Maria Marconi, che già a settembre aveva rivelato la possibilità di continuare a saltare in campo nazionale e che, a 32 anni, figura nell’entry list della Coppa Tokyo 2020 in programma a Bolzano da venerdì 27 a domenica 29 gennaio. Ma il panorama dei tuffi internazionali, soprattutto al femminile, sta contando uno dopo l’altro i ritiri delle atlete di vertice.

Due eccezionali “robot” cinesi hanno infatti detto stop dopo il quadriennio culminato a Rio. Entrambe fortissime, entrambe pluripremiate, ma di età ben diverse. Wu Minxia è stata probabilmente la tuffatrice del decennio insieme a Tania Cagnotto: 31 anni, coetanea dell’azzurra, si è ritirata a metà dicembre forte di cinque ori olimpici (e un argento e un bronzo) e otto mondiali. In Brasile, con il successo nel sincro 3 metri in coppia con Shi Tingmao, è diventata la prima atleta di sempre a vincere per quattro Giochi di fila la stessa gara nei tuffi.

Ma a fare più scalpore furono le rivelazioni successive a Londra 2012, quando per oltre un anno le furono tenute nascoste le notizie della morte della nonna e del tumore della madre per – spiegò poi il padre – non farle perdere la concentrazione sugli allenamenti. “Mi spiace davvero tanto, ma il mio fisico non mi consente più di continuare ad allenarmiha detto in lacrime -. Ho davvero temuto l’arrivo di questo giorno. Mi tuffo da quando avevo sei anni, sono entrata in nazionale a 13 ed è 25 anni che faccio questa vita“. Poco prima, a ottobre, dolori persistenti al collo avevano forzato al ritiro Chen Ruolin, piattaformista 24enne, che dal 2008 in poi ha vinto tutte le gare olimpiche cui ha partecipato: cinque su cinque, di cui tre in sincro. Nel suo palmarès anche sei ori, tre argenti e un bronzo mondiale.

Nelle ultime settimane, infine, è toccato a Uschi Freitag, Rebecca Gallantree e Roseline Filion. Curiosa la parabola della prima, 27 anni, tedesca fino a Londra 2012 e olandese dopo, due argenti e due bronzi europei (l’ultimo secondo posto dietro a Tania Cagnotto lo scorso maggio da 3 metri) e tanta simpatia nelle piscine di tutto il mondo. “Per studiare e iniziare un capitolo di vita lavorativa“, ha spiegato. “Nella mia carriera ho vinto più di quanto avrei pensato“, la confessione della 32enne britannica che in effetti, a fronte di un solo argento e un bronzo agli Europei, può vantare in bacheca l’oro mondiale vinto nel team event con Thomas Daley a Kazan 2015. Per ultima, la 29enne canadese, che ha detto stop lunedì 23 gennaio dopo 20 anni di tuffi e due bronzi olimpici consecutivi nel sincro piattaforma con Meaghan Benfeito. Il secondo, a Rio 2016, raggiunto nonostante una preparazione lampo in seguito a un infortunio subito a inizio anno.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIDEO Pattinaggio artistico, Europei 2017: il programma corto di Carolina Kostner, la regina Azzurra è tornata!

Tennis, Australian Open 2017: Rafa Nadal è in semifinale. Raonic ko in tre set. Ora sfida a Dimitrov