Mondiale Rally 2017: a Montecarlo si ricomincia sotto il segno di Ogier, ma occhio a Neuville… Italia lontana

Anche il Mondiale Rally 2017 si è aperto sotto il segno del pilota-cannibale Sébastien Ogier. Il francese tetra-campione in carica ha conquistato l’85^ edizione del Rally di Montecarlo, suo per la quinta volta in carriera, portando al trionfo la Fiesta marchiata M-Sport (Ford di nuovo sul gradino più alto del podio di una prova del WRC dopo cinque anni).

Ogier ha avuto la strada spianata verso il suo primo successo con la Ford dopo l’uscita di scena nell’ultima speciale del sabato del belga Thierry Neuville il quale, conquistando anche la power stage conclusiva, ha dimostrato di poter essere quest’anno un candidato credibile per la corsa all’iride. Il pilota della Hyundai era saldamente al comando della overall dopo due giorni di gara, ma un’uscita di strada gli ha danneggiato la sospensione compromettendo l’intero weekend.

Terra monegasca dolce anche per Toyota. Il finlandese Jari-Matti Latvala ha portato a casa un ottimo secondo posto davanti alla seconda Ford Fiesta, quella guidata dal quotato estone Ott Tanak, frenato da un problema al motore proprio in occasione dell’ultima decisiva prova di ieri. Tuttavia, l’impressione è fin d’ora che questi Magnifici Quattro (Ogier-Neuville-Latvala-Tanak) possano dar vita, su tutti, ad un Mondiale molto interessante, combattuto e spettacolare.

E l’Italia? Il Bel Paese è per ora lontano dalle posizioni che contano… Sono stati undici i nostri equipaggi che hanno affrontato il Rally di Montecarlo: Andrea Crugnola (Ford Fiesta R5) è stato il primo degli italiani, diciottesimo; Luca Panzani ha conferma le sue qualità nel ruolo di ufficiale Renault, per il Campione nazionale in carica Giandomenico Basso e per il due volte Campione del Mondo WRC3 e Junior 2016 Simone Tempestini, invece, il “Monte dei Ranieri” è risultato duro da scalare. Gabriele Noberasco ha infine tenuto alto il vessillo dell’Abarth 124. Una sola auto nella top-20, quattro ritiri: oggettivamente troppo poco per immaginare oggi un Mondiale Rally 2017 tinto d’azzurro intenso…

giuseppe.urbano@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Bode Miller: “Potrei tornare per le Olimpiadi 2018. Hirscher domina perché il livello è basso”

Ciclismo: il Tour Down Under 2017 nel segno degli australiani