Volley, Carlo Magri: “Berruto è il CT giusto per l’Italia! Ok cacciare i 4, non conta cosa fa Travica”

ItalyscoachMauroBerrutocenter-800x574.jpg

Carlo Magri, Presidente della Federazione Italiana di Pallavolo, è stato intervistato dal Corriere della Sera in merito a quanto successo a Rio de Janeiro la scorsa settimana con l’annessa cacciata di Zaytsev, Travica, Sabbi e Randazzo.

Ho avallato la scelta di Berruto perché si devono sempre avallare le scelte degli allenatori in cui si crede. Poi se ne discute. Nei prossimi giorni vedrò Berruto e ne parleremo”.

Risponde in maniera serena alla domanda che si sta facendo tutto il mondo del volley: “Berruto è ancora l’allenatore giusto per l’Italia?”. “La bravura tecnica di un allenatore non dipende certamente da una vicenda come questa (la cacciata dei 4, ndr). Il mio giudizio su Berruto è totalmente positivo. La nostra è stata una buona World League”.

 

Viene poi interrogato sul possibile punto di rottura tra il tecnico e alcuni giocatori e se non dipenda da quanto visto agli ultimi Mondiali: “Potrebbe essere. È allora è un bene che sia successo quello che è successo. Adesso le scelte sono tutte in funzioni delle qualificazioni olimpiche”.

Poi alza i toni: “Quello che fa Travica o chiunque altro conta fino a un certo punto. Velasco ha sempre lasciato a casa Vullo. A me interessa che tutti si ricordino che abbiamo battuto il Brasile in casa loro, in questa World League, che abbiamo vinto un tie-break con la Serbia con 5 ace di Giannelli, un esordiente come Mengozzi, Antonov, Massari o Anzani. Non eravamo sicuri di vincere con la Serbia neanche con la formazione al completo”.

Sul fondamentale punto dell’assenza di un leader: “Birarelli lo è. Può darsi che sul fatto di togliergli la fascia di capitano non fossi d’accordo. Ma anche queste sono scelte dell’allenatore”.

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top