Tour de France 2015, DIRETTA LIVE terza tappa: Mur de Huy, la casa di Purito Rodriguez!

La-Fleche-Wallonne-2009-mur-de-huy-ciclingpassion.com_.jpg

La tappa del vento (e della pioggia) con arrivo a Zelande ha fatto male a diversi big del Tour de France 2015, compreso al nostro Vincenzo Nibali, ad oltre un minuto da Contador e Froome sul traguardo olandese. Di spazio per riprendersi dalle fatiche di ieri, però, ce n’è ben poco, poiché la terza tappa della Grande Boucle prevede ancora insidie e soprattutto grande spettacolo. Da Anversa a Huy, 159,5km in terra belga con quattro côte e il finale sullo storico e durissimo muro conclusivo della Freccia Vallone. Ci sarà da divertirsi, con i big e con la nostra Diretta Live testuale. Seguite con noi la tappa!

La presentazione della tappaI precedenti dei fab four a HuyLa classifica generale

17.35: anche Quintana a 11″ da Froome, che grazie all’abbuono di sei secondi è la nuova Maglia Gialla per un secondo su Tony Martin!

17.33: Nibali paga 11″ da Froome sul traguardo, Contador 18″

17:30: vittoria per Purito Rodriguez! Ottimo Froome, secondo. Poi Vuillermoz. Nibali paga qualche secondo da Froome, ancor più dietro Contador

17.29: e sene va Purito Rodriguez! Un grande Chris Froome prova a recuperare ma non sembra farcela

17.29: parte Purito Rodriguez

17.29: Froome e Contador davanti, ultimi 500 metri!

17.29: i big sono davanti, con un Chris Froome molto attento

17:28: Giampaolo Caruso lavora per Purito Rodriguez

17.27: comincia il Muro! Bob Jungels in testa al gruppo dopo aver approcciato a grande velocità una curva

17.26: sta risalendo il gruppo Vincenzo Nibali

17.25: poco meno di un chilometro al Muro!

17.24: il Mur de Huy è segnato come Gpm di terza categoria, ma il chilometro e 900 metri  da percorrere presenta una pendenza media del 9,1% con punte del 25! Tre chilometri al traguardo

17.23: 5km alla fine! Il forcing di Majka ha ridotto ad una trentina di unità il gruppo principale. Si prevedono scintille sul Mur de Huy

17.22: passa per primo Julian Arredondo al Gpm, con uno scatto negli ultimi metri. In difficoltà Thibaut Pinot!

17.21: Majka sta tenendo un gran ritmo, ma i big resistono tutti con facilità. I fab four si marcano

17.20: si comincia a salire! Tinkoff in testa, molto solida rispetto al Giro d’Italia

17.18: grande ritmo della Etixx ora, 7km al traguardo. Un paio di chilometri e sarà Côte de Cherave!

17.16: 10km al traguardo! La corsa entra definitivamente nel vivo. Ritmo elevato, difficile portare attacchi al momento

17.14: 7km alla côte de Cherave. Le squadre dei fab four al comando per cercare di scremare il gruppo

17.12: è Richie Porte a fare l’andatura in testa al gruppo. Il Team Sky vuole tenere Froome davanti in un contesto poco favorevole alle caratteristiche del britannico

17.09: adesso 11km di relativa calma, poi sarà la volta della côte de Cherave. Sempre un Gpm di 4^ categoria, ma 1,3km all’8,1%

17.08: ripreso subito Tulik dal gruppo tirato da BMC e Sky e transitato al Gpm

17.06: primo attacco dal gruppo ad opera di un uomo dell’Europcar. Si tratta di Angelo Tulik

17.05: il gruppo si studia sulle rampe della côte d’Ereffe. Cancellara, intanto, si è staccato

17.04: primo Gpm vero del Tour 2015, la côte d’Ereffe. Un Gpm di 4^ categoria di 2,1km al 5,5% di pendenza media

17.01: da una parte la Tinkoff, dall’altra la Etixx: il ritmo ora è davvero sostenuto, Cancellara sempre in fondo al gruppo. Arriva anche la Cannondale di Daniel Martin a fare l’andatura

16.55: gruppo nuovamente compatto. Frattura ricomposta dopo il ventaglio aperto dall’Astana

16.52: Matteo Trentin fa partire il lavoro della Etixx. Mancano tredici chilometri alla côte d’Ereffe

16.51: al traguardo volante di Havelange, intanto, Andre Greipel brucia Degenkolb e Bouhanni, consolidando il primato nella classifica per la Maglia Verde

16.50: dietro anche Alejandro Valverde! Il campione spagnolo, tuttavia, insieme a Pinot e a Van Avermaet sono riusciti a rientrare

16.48: nel secondo gruppo spiccano le presenze di Thibaut Pinot (FDJ) e di Rui Costa (Lampre), quest’ultimo coinvolto nella caduta precedente

16.47: la Tinkoff si conferma una squadra estremamente compatta in pianura, soprattutto grazie al grande lavoro degli italiani Tosatto e Bennati

16.45: il gruppetto rimasto attardato (in cui non c’è nessun big) è ad una ventina di secondi. Cancellara è dietro

16.44: anche la Tinkoff in testa al gruppo ora

16.43: l’Astana sta cercando di riscattare la magra figura di ieri e finora ci sta riuscendo

16.41: sfuriata dell’Astana in testa al gruppo! Plotone allungatissimo e si crea una frattura! Ancora ventagli al Tour

16.37: chi sembra intenzionato a fare un ritmo sostenuto è il Team Sky, compatto ed organizzato. Lavora anche la Katusha

16.33: la prima squadra a riprendere in mano le redini della situazione è la Cannondale – Garmin, a 45km dal traguardo. Prima della côte d’Ereffe (a 16km dal traguardo) ci saranno una trentina di chilometri piuttosto vallonati

16.30: atteggiamento ancora decisamente passivo da parte del gruppo

16.27: nonostante la fine della neutralizzazione, i corridori sembrano ancora piuttosto fermi e anche apparentemente scossi. 48km all’arrivo

16.26: l’auto dell’organizzazione non sta guidando più il gruppo. La corsa è ripartita

16.23: la corsa è sulla côte de Bohissau

16.20: si ripartirà in cima alla côte. Episodio, comunque, che desterà non poche polemiche e che, soprattutto, crea un precedente non da poco

16.17: la corsa riparte ma sarà neutralizzata almeno fino al Gpm della côte  de Bohissau

16.12: al momento la corsa non riparte. Coinvolto anche Daniel Oss, che ha riportato alcune escoriazioni al volto

16.10: sempre tutti fermi. Cancellara sembra avere qualche problema

16.08: si ritira anche Simon Gerrans. Intanto la corsa è sempre ferma, a causa dell’impiego totale dei mezzi di soccorso nella caduta. Da regolamento, non si può continuare

16.07: Prudhomme ferma addirittura il gruppo, in attesa di capire gli sviluppi dell’assistenza portata a chi è rimasto coinvolto nella caduta. Cancellara sta rientrando nel frattempo

16.05: la caduta miete le prime vittime. Tom Dumoulin, Maglia Bianca attuale, si ritira. Prudhomme intanto neutralizza ancora. Una decisione piuttosto ambigua

16.03: riparte intanto Fabian Cancellara e riparte anche la gara, dopo una particolare neutralizzazione di pochi minuti voluta dal direttore Prudhomme

16.02: davanti il gruppo viene momentaneamente fermato da Christian Prudhomme

16.01: la Maglia Gialla appare piuttosto dolorante. Coinvolti, tra gli altri, anche Rui Costa, Gerrans, Albasini e Giampaolo Caruso

16.00: è caduto anche Fabian Cancellara! A terra la Maglia Gialla

15.59: caduta in gruppo! Almeno una ventina di corridori coinvolti in un tratto di assoluta pianura

15.56: poco più di dieci chilometri alla côte de Bohissau, un Gpm di 4^ categoria (2,4km al 5,5%). Quasi ripresi i fuggitivi, non manca il vento. Anche i BMC e la FDJ davanti

15.51: 30″ per i battistrada, ormai nel mirino del gruppo

15.46: sotto il minuto il vantaggio dei fuggitivi. Il gruppo ha deciso di riprenderli a poco meno di 70km dal traguardo. La prima côte è prevista a 50km dall’arrivo

15.42: già attive, in testa al gruppo, l’Astana di Nibali, la Movistar di Quintana e la Tinkoff di Contador

15.40: ricordiamo la composizione di una fuga destinata a concludersi ben presto. Il quartetto è formato da Martin Elmiger (IAM Cycling), Serge Pauwels (MTN – Qhubeka), Bryan Nauleau (Europcar) e Jan Barta (Bora – Argon18).

15.38: 74km al traguardo, scende a 2’16” il vantaggio dei battistrada. Il gruppo non vuole lasciare spazio

15.23: la corsa si avvicina sempre più al momento clou della tappa. 83 km al traguardo, sempre 3′ il distacco del gruppo dai 4 fuggitivi.

15.10: 91 chilometri al traguardo, avanzano le squadre dei big della classifica. Scende sotto i 3′ il vantaggio della fuga.

14.58: situazione stabile. 3′ il vantaggio della fuga sul plotone guidato dalla squadra della Maglia Gialla.

14.16: 3’30” il ritardo del gruppo.

14.00: 2’35” il vantaggio dei quattro al comando. 140 km al traguardo.

13.50: il gruppo lascia molto spazio, un minuto e mezzo il vantaggio dei fuggitivi.

13.43: vanno via in quattro. Martin Elmiger (IAM Cycling), Serge Pauwels (MTN – Qhubeka), Bryan Nauleau (Europcar) e Jan Barta (Bora – Argon18). Il gruppo lascia andare la fuga.

13.39: partita la terza tappa del Tour de France 2015. Cominciano subito gli scatti.

13.30: pochi minuti ormai alla partenza. Anche le prime fasi di corsa potrebbero essere combattute considerando che con le salite odierne è in palio anche la prima maglia a pois!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top