Tuffi, Giochi Europei Baku 2015: esplode Cristofori, argento da 3 metri!

La prima medaglia italiana agli Europei giovanili di tuffi arriva dai 3 metri maschili. A Baku il protagonista è il ragazzo più atteso, Adriano Ruslan Cristofori, nato in Ucraina, cresciuto in Spagna e da due anni in Italia. Lo allena la Asd Carlo Dibiasi, che dopo averlo “corretto” tecnicamente la scorsa stagione quest’anno ha lavorato sulla potenza e sul fisico. Facendolo gareggiare con i senior anche nelle gare di categoria (ha sfiorato la qualificazione per Rostock da 1 metro) e preparandolo al meglio per il grande evento estivo in Azerbaijan.

Il settimo posto da 1 metro, la gara più amata, aveva lasciato un po’ tutti con l’amaro in bocca. Invece, oggi, ecco uno splendido argento con 523.30 punti. Settimo a quota 204.20 dopo gli obbligatori della mattinata, il romano si migliora nettamente come auspicato. 65.10 nel triplo e mezzo avanti, 68 nel doppio e mezzo avanti con due avvitamenti , 60 nel doppio e mezzo indietro, 58.50 nel doppio e mezzo rovesciato e 67.50 – media del 7.5 – nel doppio e mezzo ritornato conclusivo.

Sempre in scia dei migliori, Cristofori è quarto dopo le prime tre rotazioni e sfrutta un errore di Ilia Molchanov, favorito numero uno per l’oro, per ritrovarsi sul podio a un tuffo dalla fine. E’ il triplo e mezzo rovesciato raggruppato a giocare il tiro mancino al russo, poi terzo a quota 520.35, mentre lo svizzero Jonathan Suckow fallisce clamorosamente il triplo e mezzo avanti e spiana la strada all’azzurro per il secondo gradino del podio. Il vincitore è il britannico James Healty, il più costante tra i big, con 541.65 punti.

Sesto posto con miglior punteggio stagionale – nonostante molti errori di cui uno grossolano sul primo obbligatorio, il capofitto indietro – per la coppia azzurra del sincro 3 metri femminile composta da Laura Anna Granelli e Malvina Calatano Gonzaga. Le due italiane, una di Bergamo e l’altra di Roma, chiudono a quota 235.50 punti sorpassando in extremis la Svizzera (settima) e la Gran Bretagna (nona con doppio e mezzo rovesciato nullo). L’errore delle britanniche incide anche sul podio, perché Millie Fowler e Millie Haffety erano terze prima dell’harakiri. Vince dunque la Germania (Louisa Stawczynski-Saskia Oettinghaus, 284.07) davanti alla Russia (Elena Chernykh-Maria Polykova, 276.90) e all’Ucraina (Diana Shelestyuk-Marharita Dzuhsova, 264.87).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Facebook Laura Schermi

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giochi Europei Baku 2015

ultimo aggiornamento: 20-06-2015


Lascia un commento

Red Bull Cliff Diving, World Series 2015: 4 su 4! Hunt fa sua anche Copenaghen

Nuoto, Arena Pro Swim Series: vince Phelps, D’Arrigo non convince