Softball| Italia, Marina Centrone: “Ben vengano annate come quella che sta per iniziare…”



E’ una Marina Centrone ambiziosa e decisa a fare bene nel suo ruolo di manager della nazionale maggiore di softball e di coordinatrice tecnica di tutte le rappresentative nostrane, quella che si racconta ad Olimpiazzurra durante la presentazione del Campionato ISL 2015.

Marina, per tutte le nazionali italiane quello 2015 sarà un anno importante poichè saranno tutte impegnate in tornei internazionali del massimo livello. Quali sono le aspettative che dobbiamo porci?

Loading...
Loading...

“Le nostre attese sono esigenti e molto alte, perchè lavoriamo sodo per ottenere il massimo.
Entrando nel dettaglio delle singole realtà, è chiaro che con la senior puntiamo a riportare l’Europeo in Italia, mentre per le juniores il fatto di tornare ad occupare un posto di rilievo nel panorama planetario è già di suo molto importante. Il Mondiale è una grande sfida, ma il torneo continentale ha detto che ci meritiamo questa vetrina.
Per le cadette, infine, non posso che esprimere il mio orgoglio nell’aver riportato una selezione con giovani di talento verso l’Europeo, dopo il duro e gratificante lavoro svolto.
Da coordinatrice tecnica sono quindi soddisfatta. Ben vengano annate come questa, piene di impegni, dove tutti noi potremmo avere delle soddisfazioni lavorando seriamente”.

Focalizzandoci proprio sulle cadette, abbiamo visto che hanno iniziato molto bene la loro stagione, la quale culminerà con il fatto di ospitare gli Europei a Nuoro. Come si potrà vivere questa chance casalinga?

“Giocare in Italia sarà certamente una spinta in più. Avremo l’affetto dei nostri cari e, seppur con la giusta tensione, dovremo essere brave a sfruttare la positività del clima creatosi in nazionale che, sono sicura, ci accompagnerà anche durante l’evento”.

Tornado invece alle seniores, abbiamo visto che nei gironi della prima fase dell’Europeo sono state apportate delle modifiche a causa delle defezioni di alcune nazioni. E’ una cosa che può creare problemi?

“No. Ho appreso di questi cambiamenti, ma non penso possa stravolgere i nostri piani. L’importante, comunque, è giocarsi ogni partita cercando di prepararsi personalmente in maniera adeguata”.

L’ultima domanda riguarda il tema olimpico: se nel 2020 il softball rientrasse nei programma a cinque cerchi, lei si vedrebbe ancora sulla panchina della nazionale?

“Io so che lavoro con coscienza tutti i giorni, indipendentemente da tutto. Ho un contratto che rinnovo annualmente, e so benissimo che l’anno prossimo ci potrà essere o no. Quelli che verranno, eventualmente dopo di me, potranno sicuramente usufruire del lavoro che io e tutti gli staff tecnici delle rappresentative stiamo eseguendo, Questo è il progetto da portare avanti per crescere. Poi chi verrà, verrà. Se ci sarò, tanto meglio. Sarei felice di esserci…”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

michele.cassano@olimpiazzurra.com

Foto: FIBS/Oldman Agency

Loading...

Lascia un commento

scroll to top