Sei Nazioni 2015: il Galles espugna Murrayfield! Ma che Scozia…

BhBprXNCcAAOm8f.jpg

Esulta per la prima volta nel corso del Sei Nazioni 2015 il Galles che, in questa domenica pomeriggio, sbanca Murrayfield per 23-26 battendo una generosissima Scozia.

In un primo tempo pazzesco, sotto il profilo delle emozioni, succede davvero di tutto: gli ospiti vanno in vantaggio con il solito piede di Halfpenny, ma la Scozia reagisce piazzando un parziale di dieci punti, per effetto della meta trasformata, a firma Hogg, ed il piede preciso di Laidlaw.

Con il 10-3 in tasca però, gli uomini di Vern Cotter subiscono il rientro dei gallesi che piano piano rosicchiano punti con dei piazzati, sino al 10-9, propiziato peraltro dall’ammonizione comminata a Russell, il quale dá il via a cinque minuti di “Furia Rossa”; culminati nella meta di Webb per 10-16 che manda le squadre negli spogliatoi, non prima però di un altro cartellino giallo sventolato in faccia a Davies, che riduce anche Warburton e compagni in quattordici.

La ripresa inizia con i padroni di casa che assaltano il fortino rivale, sino ad accorciare le distanze sul 16-19, con Laidlaw in stato di grazia nel fondamentale della trasformazione al piede.

Il Galles è alle corde, imbastisce una rapida ripartenza con Liam Williams che sembrerebbe portare l’ovale oltre la linea di meta, ma il TMO annulla facendo ripartire le compagini ancora con soli tre punti di scarto; quando mancano soltanto venti minuti alla fine.

Sono però, le prove generali di qualcosa che è nell’aria: dopo un’azione multifase infatti, Jonathan Davies marca pesantemente facendo allungare i suoi sul 16-26. Gli Highlanders, tuttavia, non muoiono mai e riprendono a martellare alternando splendidamente le cariche degli avanti con le corse dei trequarti, guidati principalmente da Cowan e Hogg. E intorno al 70′ i padroni di casa stazionano per lungo tempo sui 5 metri gallesi, cercando il bersaglio grosso a più riprese ignorando la possibilità di piazzare tre punti. Chi troppo vuole, però, nulla stringe e il Galles riesce a sventare il pericolo, ma non ad uccidere la Scozia. Anzi. Nel finale, una grande corsa di Hidalgo-Clyne permette a Bennett di andare in meta, ma l’arbitro annulla per un in avanti del mediano spagnolo. L’ultima azione è comunque scozzese e, dopo un altro lungo assalto, è Jim Hamilton a marcare la meta del 23-26 finale, ma quando ormai era fin troppo tardi. Vince il Galles, ma che fatica.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

michele.cassano@olimpiazzurra.com

Foto: Twitter Welsh Rugby Union

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top