Sci di fondo, Mondiali 2015: i big più attesi della manifestazione

Petter-Northug-sci-di-fondo-fb-pagina.jpg

Due anni dopo Val di Fiemme 2013, i migliori atleti del mondo torneranno a combattere per le medaglie mondiali a Falun, sede iridata già nel 1954, 1974 e 1993. Vediamo gli atleti più attesi della manifestazione.

Uomini

Petter Northug: quasi 30.000 i like raccolti per aver postato una foto in cui indossava la tuta svedese. Non finisce mai di stupire il campione norvegese che ha iniziato in questo modo il gioco psicologico con gli svedesi. A Falun la prima occasione utile per conquistare la 13^ medaglia iridata sarà la sprint a tecnica classica. Vedremo se farà ancora parlare di sé.

Martin Johnsrud Sundby: per il dominatore degli ultimi due Tour de Ski è arrivato il momento di raccogliere il primo oro individuale. Vicecampione in carica dello skiathlon, la prima occasione per salire sul gradino più alto del podio si presenterà sabato proprio nella prova con entrambe le tecniche.

Alexander Legkov: attenzione all’armata russa e in particolare al campione olimpico della 50 km di Sochi. In ombra per gran parte della stagione, Legkov e compagni si sono risvegliati nella tappa casalinga di Rybinsk in una sorta di prova generale in vista della rassegna iridata. Proprio il 31enne di Krasnoarmeisk ha in Falun una delle località preferite con ben tre podi all’attivo.

Dario Cologna: difficilmente il fuoriclasse svizzero fallisce i grandi appuntamenti. A Östersund non ha entusiasmato ma mai dare per sconfitto il tre volte campione olimpico.

Donne

Marit Bjoergen: 26 medaglie tra Campionati mondiali e Giochi Olimpici, a -3 dal record del connazionale Bjoern Daehlie. Per quanto riguarda gli ori individuali iridati, la russa Elena Vaelbe guida con 10 ori, due in più della fondista più grande di tutti i tempi. Favorita numero 1 praticamente in e tutte le gare, la 34enne norvegese potrebbe scrivere un’altra pagina storica per lo sci di fondo.

Charlotte Kalla: forse l’unica insieme a Therese Johaug in grado di dar fastidio alla Bjoergen. La stella svedese ha messo nel mirino la 15 km a tecnica libera, specialità che l’ha vista trionfare a Vancourer 2010 e dove ha dominato pochi giorni fa a Östersund. Tra gli atleti di casa attenzione naturalmente anche a Calle Halfvarsson, Marcus Hellner e Stina Nilsson, l’unica in questa stagione capace di lottare con le norvegesi nelle sprint.

Justyna Kowalczyk: riuscirà la fondista polacca a conquistare l’ottava medaglia iridata? Le occasioni per farlo sono tre: le prove sprint e la 30 km tc del 28 febbraio. Mai brillante in stagione la 32enne nativa di Limanowa ha tuttavia dichiarato di aver ancora le giuste motivazioni per continuare a competere sino ai Giochi Olimpici del 2018.

Foto wikipedia

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top