Snowboard, Coppa del Mondo: rebus Italia per il primo Pgs stagionale

1474565_10202620836941425_493795678_n.jpg

Partirà domani la stagione della Coppa del Mondo 2014-2015 di snowboard alpino. Lo scenario sarà quello, tradizionale, del gigante di Carezza: l’Italia davanti al suo pubblico proverà a disimpegnarsi al meglio, pur conscia di presentare ancora molti rebus irrisolti che resistono dall’altalenante anno scorso.

Dopo due inverni di dominio e lotta testa a testa con l’austriaco Andreas Prommegger, il 2013-2014 della punta di diamante azzurra Roland Fischnaller si è infatti rivelato oltremodo negativo, con i quarti di finale nel Psl di Sochi come miglior risultato. Parallelamente anche Aaron March (un podio a Bad Gastein e un amaro legno olimpico) non ha convinto del tutto, mentre tra le donne è cresciuta Nadya Ochner (vincitrice della Coppa Europa) e Corinna Boccacini è andata ad un passo dall’impresa a Cinque Cerchi chiudendo quarta a distanza di pochi minuti dalla beffa di March. A questa striscia di prestazioni non in media con quanto offerto nelle stagioni passate ha senza dubbio contribuito il cambio di materiali, ma anche qualcosa all’interno della squadra non ha funzionato del tutto. Adesso, però, tutto è stato azzerato e l’Italia del parallelo proverà a dire la sua tra Coppa del Mondo e, soprattutto, Mondiali.

Sono tredici i convocati dal direttore sportivo Cesare Pisoni per la tappa inaugurale prevista per domani in Val d’Egna (qualificazioni alle 8.45, fasi finali alle 12.30). La compagine è varia, con tanti atleti esperti guidati da un Roland Fischnaller in cerca di riscatto e numerosi giovani. Su tutti, occhi puntati sulla coppia che ha trionfato nelle rispettive Coppa Europa 2013-2014, Nadya Ochner e Edwin Coratti, ma anche su Maurizio Bormolini (argento agli ultimi Mondiali junior) ed Elisa Profanter, classe 1997 dal talento cristallino. Che sia lei il volto della definitiva rinascita dello snowboard alpino italiano?

Appuntamento quindi a martedì, ora di pranzo, per avere un primo riscontro sullo stato di salute in Pgs della nazionale azzurra. A fine settimana, poi, sarà la volta di un altro esame importante: un doppio Psl (forse più amato dalle nostre punte di diamante) a Montafon (Austria), con anche l’introduzione dell’innovativa formula del team event.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top