Snowboard – Coppa del Mondo, il ds Pisoni gongola: “Siamo la squadra più forte”

Italia-snowboard-parallelo-foto-da-facebook-cesare-pisoni.jpg

Se si dice che due indizi non fanno una prova, tre forse sì. Dopo Carezza, l’Italia dello snowboard alpino esulta anche a Montafon. Ai due successi individuali di Roland Fischnaller ha fatto seguito oggi la vittoria nel primo team event di slalom parallelo della storia di Coppa del Mondo proprio del fuoriclasse azzurro in coppia con Nadya Ochner. Un avvio fenomenale per il Bel Paese, che guarda ora con grande ottimismo ai Mondiali di Kreischberg di metà gennaio.

E il direttore sportivo Cesare Pisoni gongola. “Stiamo dimostrando di essere la squadra più forte in assoluto – ha commentato al sito della Fisi -, Ochner ha dimostrato di avere una grande tranquillità, Roland sta volando. La neve non era a noi favorevole come ieri quando pioveva. Oggi è diventata vetro ma ce la siamo cavata comunque bene. Il format di gara mi sembra divertente, sicuramente è spettacolare e fa bene la Federazione Internazionale a riproporlo“.

Tre su tre per il 34enne di Bressanone, che quasi fa fatica a parlare di forma ancora lontana dal top a causa di un dolore al ginocchio. Cosa accadrà quando sarà veramente nella condizione migliore? Intanto, Fischnaller è tornato a fare la voce grossa: “E’ una gara molto bella e divertente, tutto è funzionato senza problemi. Sono contento che la Ochner abbia vinto la sua prima gara in carriera, le ho detto semplicemente di tirare al massimo ad ogni run. Diciamo che l’ho stuzzicata per bene, è stata brava. Per me arriva un’altra soddisfazione in una settimana che dimenticherò difficilmente. Non credo siano tanti gli atleti capaci di un’impresa del genere, in questo modo i miei avversari avranno più rispetto nei miei confronti, l’anno scorso non era così“.

Settimana magica, infine, per Nadya Ochner. Terza a Carezza e prima oggi, la 21enne è un grande prospetto azzurro per il futuro. “Credo che mi ricorderò per sempre questa giornata, eravamo curiosi di vedere come funzionava la gara e direi che meglio non poteva andare – ha concluso l’altoatesina -. Avere a fianco un campione del calibro di Fischnaller mi ha messo un po’ di pressione perché lui è il più bravo e se sbagliavo mi sgridava. Così sono stata costretta ad andare forte per forza… Penso che ci meritiamo la meritiamo. Adesso pensiamo a rilassarci qualche giorno per Natale, poi ripartiremo per preparare la gara di Bad Gastein del 9 gennaio che sarà la prova generale per i Mondiali“. Con questa Nazionale si può sognare.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Facebook Cesare Pisoni

 

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top