Short Track, Yuri Confortola ad Olimpiazzurra: “Puntare sui giovani per ripartire come gruppo”

confortola-profilo-fb.jpg

Fra gli uomini è l’unica speranza a cui l’Italia può affidarsi. Yuri Confortola, in questa prima parte di stagione, ha, in qualche modo, salvato la spedizione maschile di casa nostra, offrendo delle buone prestazioni sia a Salt Lake City, dove è arrivato settimo nei 1000 mentri e decimo nei 1500, che a Montreal. Nonostante la situazione dello Short Track italiano non sia delle migliori, Confortola è comunque fiducioso per il futuro, ribadendo l’importanza dei giovani per un percorso di crescita e per un futuro ai vertici. Con sguardo fisso verso i grandi appuntamenti della stagione, il pattinatore azzurro si racconta a Olimpiazzurra.

Yuri, nelle prime due tappe di Coppa del Mondo sei stato il migliore azzurro. Come valuti le tue prestazioni?

“Per quanto riguarda le prime gare sono abbastanza soddisfatto, la condizione non era ottimale, ma sono riuscito a gareggiare abbastanza bene. Questo fa ben sperare per le prossime gare”.

Cosa ti aspetti nel percorso di avvicinamento ai Mondiali e quakli saranno i tuoi obiettivi?

“Nel corso della stagione il mio obiettivo principale sono i Camponati Europei. Vorrei riuscire a fare bene in questa gara. Per i Mondiali poi vedremo strada facendo. Devo valutare tante cose, la strada è lunga”.

Per quale motivo, a tuo modo di vedere, negli ultimi anni il gap tra l’Italia e il resto del mondo si è così ingigantito in campo maschile?

“Purtroppo in campo maschile servono numeri e qualità. Il livello medio è davvero alto, e se non hai un buon numero di pattinatori di alto livello è difficile raggiungere la qualità che serve durante gli allenamenti. Noi paghiamo un po’ questo problema. Bisognerà lavorare tanto per cercare di avvicinarci al livello dei migliori”.

Cosa manca secondo te al movimento italiano per tornare ad esprimere una buona competitività internazionale?

“Secondo me dobbiamo puntare a lavorare nei settori giovanili. Credo che lo Short Track, negli ultimi anni, sia andato molto avanti. Purtroppo, noi siamo rimasti un po’ fermi. In squadra ci sono ancora tanti veterani, dobbiamo preparare i giovani per garantirci un futuro ad alto livello”.

Al momento sei l’elemento che riesce ad ottenere i risultati migliori: cosa significa per te fare da traino ai più giovani?

“Io cerco sempre di dare il massimo, di allenarmi sempre al massimo. Questo spero sia un buon esempio per i giovani. Quello che mi aspetto è di trasmettere la voglia di lavorare e faticare per poter raggiungere dei risultati”.

Da quali emergenti pensi si possa ripartire per costruire un futuro migliore?

“Credo che ogni singolo atleta sia importante per costruire un futuro migliore. Bisogna lavorare come gruppo, il gruppo nel nostro sport è fondamentale. Serve questo per raggiungere i risultati”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

stefania.gemma@olimpiazzurra.com

Foto: Profilo FB Yuri Confortola

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top