Rugby, Eccellenza: risultati, classifica e la Top3 azzurra della 6^ giornata

Eccellenza_Rugby_Logo.jpg

C’è un Calvisano vincitore (non senza polemiche) sul filo di lana sul campo del Petrarca Padova, un Rovigo protagonista di una grande prova di forza a Viadana e soprattutto delle Fiamme Oro sempre più intenzionate ad entrare nella corsa per i playoff. La 6^ giornata di Eccellenza, insomma, non è stata esente da spunti interessanti.

I campioni d’Italia hanno avuto la meglio dei tuttineri soltanto con una meta del solito Steyn all’81’, al termine di un match che li ha visti soffrire in tutte le fasi del gioco. Si è svegliata tardi, invece, Viadana: Rovigo dopo 40′ volava già sul 3-13 e di fatto chiudeva il match, prima di una reazione giallonera comunque poco consistente. Oltre a Mogliano (facile su L’Aquila), le due grandi rivali dovranno cominciare a guardarsi proprio dalle Fiamme Oro, capaci di espugnare prepotentemente un campo ostico come quello di San Donà. Senza problemi, infine, la Lazio ad addomesticare i Cavalieri Prato.

Risultati

Lazio – Cavalieri Prato 36-0
L’Aquila – Mogliano 9-38
San Donà – Fiamme Oro Roma 16-23
Petrarca Padova – Calvisano 15-16
Viadana-Rovigo 11-16

Classifica

Cammi Rugby Calvisano punti 25; Femi Cz Rovigo delta punti 23; Marchiol Mogliano punti 22; Fiamme Oro Roma e Rugby Viadana punti 19; Ima Lazio Rugby punti 14;  Lafert San Donà e Petrarca Rugby Padova  punti 12;  RC Cavalieri Prato e L’Aquila Rugby Club punti 0

La Top 3 della giornata

Cosma Garfagnoli (Petrarca Padova): il pilone romano sfrutta alla perfezione l’assenza, dall’altra parte, di un osso duro come Costanzo e domina il match in mischia insieme a tutto il pack. I dirimpettai gialloneri non possono nulla contro il 27enne ex-Lazio, caparbio anche nel gioco aperto

Nicola Benetti (Fiamme Oro Roma): l’uomo-simbolo e trascinatore della squadra di coach Presutti. Il mediano di mischia si conferma un affidabile metronomo e soprattutto un cecchino dalla piazzola, dove mette a referto un 5/5 decisivo per la vittoria finale dei suoi.

Niccolò Fadalti (Petrarca Padova): con il 5/5 dalla piazzola stava per regalare un successo pesantissimo al suo Padova, prima della meta finale. Oltre alla precisione nei calci, però, il furetto veneto si conferma giocatore capace di fare la differenza anche su un campo caratterizzato dalla pioggia e non propriamente adatto alle sue caratteristiche.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top