Nuoto, Mondiali Doha 2014. Italnuoto avanti tutta! Mattina azzurra piena di soddisfazioni

Erika-Ferraioli-nuoto-foto-da-pagina-fb-federnuoto-dpm.jpg

Avanti tutta! L’Italia del nuoto non sbaglia un colpo nella quarta e penultima mattinata dei Mondiali in vasca corta di Doha. Le uniche note negative, peraltro messe ampiamente in bilancio alla vigilia, sono le eliminazioni di Stefania Pirozzi, 18. con 2’10”57 e Alessia Polieri, 31. con 2’19”19 e il forfait di Luca Leonardi nei 100 stile libero a causa di un virus intestinale. E’ questa la specialità che fa più discutere con l’assenza per mancata qualificazione di Marco Orsi e la presenza di Luca Dotto che riesce finalmente ad esprimersi su discreti livelli qualificandosi per le semifinali con il 13. tempo (47”68), mentre un Orsi galvanizzato prova a rifarsi centrando la semifinale dei 100 misti con 53”04, salvo poi rinunciare alla disputa della gara questo pomeriggio per concentrarsi sulle due staffette 4×50 stile libero azzurre, entrambe da medaglia.
La 4×50 stile libero uomini si qualifica senza problemi alla finale, sfruttando anche alcune assenze eccellenti (Sud Africa e Francia su tutte) con il terzo crono (1’25”61) ma l’assenza di Leonardi costringerà gli azzurri ad un super lavoro nel pomeriggio per salire sul podio. La 4×50 stile libero mista chiude quinta con 1’32”07 e se la potrà giocare con le big della specialità, Russia e Usa su tutte.
Il risultato di maggiore spessore tecnico della mattinata porta però la firma di Erika Ferraioli che si qualifica per la finale dei 50 stile libero donne migliorando il record italiano che già le apparteneva ex aequo con Cristina Chiuso con 24”12 che frutta il sesto posto in batteria. In semifinale anche Silvia Di Pietro con il 15. tempo (24”61).
Avanti anche i campioni del mondo uscenti. Ilaria Bianchi disputa un ottimo 100 farfalla fianco a fianco con Jeanette Ottesen e chiude quarta con 56”87 alle spalle delle star Sjostrom, Ottesen e Dekker. Battere una di queste in finale vorrebbe dire medaglia. Elena Di Liddo conquista la semifinale con 57”34 (12. posto) e la finale non è obiettivo impossibile. Fatica un po’ di più Fabio Scozzoli nei 50 rana. Il romagnolo soffre ma chiude al decimo posto con 26”65. Finale possibile, per la medaglia serve un miracolo. In semifinale anche Andrea Toniato, 16. con 26”88. Avanza anche Arianna Barbieri, 15. nei 50 dorso con 27”28.

Foto DeepBlueMedia

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top