Nuoto, Mondiali Doha 2014: il pagellone degli azzurri. Ferraioli sontuosa, orgoglio Scozzoli

Erika-Ferraioli-nuoto-foto-da-pagina-fb-federnuoto-dpm.jpg

4×50 stile libero maschile, 8.5: un bronzo di carattere che testimonia ulteriormente la nuova passione dell’Italia per la velocità. Marco Orsi si conferma in una condizione pazzesca, Filippo Magnini e Marco Belotti ottengono la seconda medaglia mondiale a testa e Luca Dotto apre positivamente la staffetta nonostante i 100 sl immediatamente successivi. Mancava la Francia, vero, ma intanto la medaglia è azzurra.

Luca Dotto, 7: mezzo punto in più per il bronzo in staffetta. Nei 100 sl tocca in 47”26, undicesimo e dunque fuori dalla finale (ultra-competitiva), senza mostrare però l’esplosione da grande evento internazionale che invece sta caratterizzando un super Orsi.

Erika Ferraioli, 8: chapeau! Doppio record italiano nei 50 sl, mattina (24”12) e pomeriggio (24”10) e accesso in finale con il sesto crono. Mondiale da sogno per Erika, e non è ancora finito.

Silvia Di Pietro, 7: 24”37, eguaglia il primato nazionale di Cristina Chiuso in vigore fino a questa mattina. Purtroppo non basta per la finale, ma la romana esce comunque a testa altissima.

Ilaria Bianchi, 7.5: l’azzurra probabilmente non riuscirà a ripetere l’oro di due anni fa, ma sta facendo di tutto per tenerselo stretto fino all’ultimo e complicare la vita alle strepitose rivali. Domani sarà in finale nei 100 farfalla forte del 56”65 di oggi (quinto crono di ingresso) e con la sensazione di potersi migliorare ancora.

Elena Di Liddo, 6.5: 57”45 nella semifinale dei 100 delfino, out dalla finale. Paga una seconda vasca sottotono, ma non avrebbe potuto chiedere di più.

Fabio Scozzoli, 7.5: da Barcellona a Doha. Un anno e mezzo di inferno, con il crack del ginocchio e la lenta riabilitazione. Domani, il romagnolo sarà in finale nei 50 rana. Pazienza se il 26”36 gli vale “solo” l’ottavo posto: domani non avrà nulla da perdere e può ancora farci sognare.

Andrea Toniato, 7: 26”52 di qualità che non basta per la finale dei 50 rana, ma che chiude positivamente il suo Mondiale. Decimo tempo complessivo: risultato prestigioso.


4×50 stile libero mista, 7
: i migliori velocisti azzurri accusano forse un po’ di stanchezza e, pur con il nuovo record italiano, sono quarti.

Arianna Barbieri, 6.5: entra in semifinale nei 50 dorso, ma chiude lontana dalle migliori in 27”01. Sarebbe stato molto difficile, tuttavia, arrivare tra le migliori otto.

Stefania Pirozzi, 6.5: diciottesima nei 200 misti e fuori dalla finale con il tempo di 2’10”57, che comunque le vale il nuovo record personale. La concorrenza è agguerrita, in un’eliminatoria che vede arrendersi anche Mireia Belmonte Garcia.

Alessia Polieri, 6: dopo lo splendido 200 farfalla con tanto di primato personale, ha poco o nulla da perdere nei 200 misti e tocca molto lontana dalle posizioni di vertice.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Federnuoto/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top