Nuoto, Assoluti invernali Riccione. Orsi da impazzire! Verona la novità, Ferraioli una certezza

Marco-Orsi-nuoto-foto-pagina-fb-fin-deepbluemedia.jpg

Saranno ricordati come i campionati di Marco Orsi ma l’impressione è che non saranno gli unici con la firma del velocista bolognese, questi Assoluti invernali di Riccione che si sono conclusi con la “perla” del “bomber” che ha ritoccato il record italiano che già gli apparteneva con un 21″64 che lo lancia nell’elite della specialità (stesso tempo con cui Popov aveva detenuto il record mondiale e nono crono europeo all time). La consacrazione di un atleta che ha incontrato diverse difficoltà finora ma che non ha mai molato e sembra aver fatto il salto di qualità definitivo. Nel 50 stile libero più veloce di sempre in Italia, Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) ha preceduto Federico Bocchia (Uisp Bologna) in 22″47 e Luca Leonardi (Fiamme Oro/Azzurra ’91 Bologna) in 22″58.

In avvio è la finalista di Doha Alessia Polieri (Fiamme Gialle/Imolanuoto) ad imporre la sua legge nei 200 farfalla (senza la rivale più accreditata Pirozzi). L’imolese vince in 2’10″46 davanti a Teresa Strickner (Aniene) in 2’11″77, terza Emanuela Albenzi (Team Lombardia) in 2’12″07.
Nei 200 dorso Cristopher Ciccarese (Fiamme Oro/Aniene) torna sul “luogo del delitto” e, nella vasca che lo aveva consacrato nell’elite mondiale ad aprile, conquista il titolo dei 200 dorso con un buon 1’58″95. Secondo posto per Luca Mencarini (Fiamme Oro/Aniene) in 1’59″22), terzo Emanuel Turchi (Vela Nuoto Ancona) in 2’01″39.

Il nome nuovo sbuca nei 200 rana donne ed è quello di Giulia Verona, classe 1999, che domina la gara con un ottimo 2’27″88, migliorando di quasi un secondo il personale e battendo Francesca Fangio (Team Lombardia) in 2’29″20 ed Elisa Celli (Esercito/Swim Pro Ss9) in 2’29″58.

Ancora Margherita Panziera regina del dorso. Dopo il successo nei 200, la portacolori dell’Aniene concede il bis sui 100 con 1’01″24. Secondo posto per Carlotta Zofkova (Forestale/Imolanuoto) con 1’01″43, terzo per Veronica Neri (Team Lombardia) con 1’01″67.

I due guasconi del mezzofondo si ritrovano ancora uno a fianco all’altro e ancora una volta è l’oro di Doha Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro) ad avere la meglio nei 1500 stile libero con 14’57″08 precedendo il compagno di allenamenti Gabriele Detti (Esercito/Team Lombardia) in 15’03″11. Terzo gradino del podio per il francese Joly ma bronzo tricolore che va allo specialista delle acque libere Simone Ruffini (Esercito/Aniene) con 15’21″34.

Nei 1500 stile libero femminili il bronzo di Berlino Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia) vince nettamente in 16’13″76, davanti a Aurora Ponselè (Fiamme Oro/Aniene) in 16’18″41 e Rachele Bruni (Esercito) in 16’23″70. Nei 200 misti uomini Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) si conferma numero uno della specialità in Italia e si impone in 2’00″61, davanti a Davide Cova (Team Lombardia) 2’01″24 e Luca Angelo Dioli (Forestale/Insubrika). Chiusura col botto con una inarrestabile Erika Ferraioli (Esercito/Aniene) che domina i 100 stile libero con 54″30, nuovo personale migliorato di 33 centesimi. Secondo posto per Aglaia Pezzato (Team Veneto) in 55″42 e terzo per Giada Galizi (Aurelia) in 55″67.

Lascia un commento

scroll to top