Hockey prato femminile: grandi allenamenti per le azzurre, obiettivo Rio

1044173_10200730358393809_1489390963_n-487x3541.jpg

Prosegue senza sosta il progetto residenziale per la nazionale femminile di hockey su prato, che sta dando i suoi primi frutti. Allenamenti durissimi per le azzurre, che hanno in testa un solo obiettivo: le Olimpiadi di Rio 2016. Settimana prossima ci saranno quattro amichevoli con l’India per la squadra di Fernando Ferrara, per testarsi anche in incontri dall’agonismo maggiore.

“Tutti i lunedì stiamo facendo test di valutazione sulla forza, effettuando delle curve di carico-potenza, che ci danno indicazioni sull’evoluzione della potenza muscolare delle atlete e sulla loro risposta all’allenamento che svolgiamo. Il martedì, invece effettuiamo un test di resistenza alla potenza e anche questo ci dà un indizio sulla capacità di resistere a sforzi elevati e quindi sull’affaticamento. Il giovedì, infine, stiamo facendo valutazioni sul peso e, quindi, sulla percentuale di massa magra e massa grassa, sul peso oggettivo e sulla percentuale di liquidi, fatte per mezzo dell’impedenziometro. In relazione alle verifiche del lunedì, tutte le giocatrici hanno un trend positivo; c’è chi è migliorata in maniera più significativa e chi meno, ma tutte hanno questa tendenza. Per i test del martedì il discorso è lo stesso, con risultati forse meno evidenti, ma comunque sempre con segno “positivo”. Molto significativi sono i risultati del giovedì, con la percentuale di massa grassa che è diminuita del 2% rispetto alla prima rilevazione fatta il 23 ottobre e il conseguente aumento della massa magra, a oggi e rispetto a quella data, dell’1,4%. Sta aumentando la massa magra e, quindi, i muscoli. Questi risultati ci confortano parecchio dal punto di vista dell’attività che stiamo svolgendo, considerato che stiamo effettuando doppi allenamenti tutti i giorni, andando in palestra due pomeriggi a settimana per effettuare un circuito di potenziamento. Le ragazze sostengono allenamenti monitorate, a campione, anche con un GPS in cui raggiungono distanze percorse, fino a 16-18 km, una distanza che “è più di due volte e mezzo quella di gara. Le ragazze “lavorano sodo ,l’impegno è assoluto e non ci sono lamentele”. Le partite sono fondamentali, sia per confrontarci, sia per raggiungere il ritmo internazionale che ci serve, quello vero, che si prende con le gare contro squadre di livello. In quel periodo è fondamentale giocare bene e sostenere quei ritmi, per cui sarà necessario diminuire l’intensità e il carico generale di allenamento”. Le parole alla FIH del preparatore azzurro Gianluca Briotti.

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo 
Clicca qui per seguirci su Twitter 
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Hockey Italia
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Foto: Carla Cotelli

Lascia un commento

scroll to top